U2 Band

U2

U2 are an Irish rock band from Dublin, formed in 1976. The group consists of Bono (lead vocals and rhythm guitar), the Edge (lead guitar, keyboards, and backing vocals), Adam Clayton (bass guitar), and Larry Mullen Jr. (drums and percussion). Initially rooted in post-punk, U2’s musical style has evolved throughout their career, yet has maintained an anthemic quality built on Bono’s expressive vocals and the Edge’s chiming, effects-based guitar sounds. Their lyrics, often embellished with spiritual imagery, focus on personal and sociopolitical themes. Popular for their live performances, the group have staged several ambitious and elaborate tours over their career.

U2

The band onstage

U2 performing in August 2017, from left to right: Larry Mullen Jr.; The Edge; Bono; Adam Clayton

Background information
Also known as
  • Feedback (1976–1977)
  • The Hype (1977–1978)
Origin Dublin, Ireland
Genres Rock, alternative rock, post-punk
Years active 1976–present
Labels
Associated acts Virgin Prunes, Brian Eno, Daniel Lanois
Website u2.com
Members
Past members

The band was formed when the members were teenaged pupils of Mount Temple Comprehensive School and had limited musical proficiency. Within four years, they signed with Island Records and released their debut album, Boy (1980). Subsequent work such as their first UK number-one album, War (1983), and the singles “Sunday Bloody Sunday” and “Pride (In the Name of Love)” helped establish U2’s reputation as a politically and socially conscious group. By the mid-1980s, they had become renowned globally for their live act, highlighted by their performance at Live Aid in 1985. The group’s fifth album, The Joshua Tree (1987), made them international superstars and was their greatest critical and commercial success. Topping music charts around the world, it produced their only number-one singles in the US to date: “With or Without You” and “I Still Haven’t Found What I’m Looking For“.

Facing creative stagnation and a backlash to their documentary/double album, Rattle and Hum (1988), U2 reinvented themselves in the 1990s. Beginning with their acclaimed seventh album, Achtung Baby (1991), and the multimedia-intensive Zoo TV Tour, the band pursued a new musical direction influenced by alternative rock, electronic dance music, and industrial music, and they embraced a more ironic, flippant image. This experimentation continued through their ninth album, Pop (1997), and the PopMart Tour, which were mixed successes. U2 regained critical and commercial favour with the records All That You Can’t Leave Behind (2000) and How to Dismantle an Atomic Bomb (2004), which established a more conventional, mainstream sound for the group. Their U2 360° Tour of 2009–2011 set records for the highest-attended and highest-grossing concert tour, both of which were surpassed in 2019. The group most recently released the companion albums Songs of Innocence (2014) and Songs of Experience (2017), the former of which received criticism for its pervasive, no-cost release through the iTunes Store.

U2 have released 14 studio albums and are one of the world’s best-selling music artists, having sold an estimated 150–170 million records worldwide.[1] They have won 22 Grammy Awards, more than any other band, and in 2005, they were inducted into the Rock and Roll Hall of Fame in their first year of eligibility. Rolling Stone ranked U2 at number 22 on its list of the “100 Greatest Artists of All Time”.[2] Throughout their career, as a band and as individuals, they have campaigned for human rights and social justice causes, including Amnesty International, Jubilee 2000, the ONE/DATA campaigns, Product Red, War Child, and Music Rising.

HistoryEdit

Formation and early years (1976–1980)Edit

The band formed in 1976 while attending Mount Temple Comprehensive School in Dublin.

In 1976, Larry Mullen Jr., then a 14-year-old pupil of Mount Temple Comprehensive School in Dublin, Ireland, posted a note on the school’s notice board in search of musicians for a new band. Six people responded and met at his house on 25 September.[3] Set up in the kitchen, Mullen was on drums, with: Paul Hewson (“Bono”) on lead vocals; David Evans (“the Edge”) and his older brother Dik Evans on guitar; Adam Clayton, a friend of the Evans brothers, on bass guitar; and initially Ivan McCormick and Peter Martin, two other friends of Mullen.[4] Mullen later described it as “‘The Larry Mullen Band’ for about ten minutes, then Bono walked in and blew any chance I had of being in charge.”[5] Martin, who had brought his guitar and amplifier to the first practice but could not play, did not remain with the group,[6] and McCormick was dropped after a few weeks.[7] The remaining five members settled on the name “Feedback” for the group because it was one of the few technical terms they knew.[5] Most of their initial material consisted of cover songs, which they admitted was not their forte.[8] Some of the earliest influences on the band were emerging punk rock acts, such as the Jam, the Clash, Buzzcocks, and Sex Pistols. The popularity of punk rock convinced the group that musical proficiency was not a prerequisite to success.[9]

We couldn’t believe it. I was completely shocked. We weren’t of an age to go out partying as such but I don’t think anyone slept that night … Really, it was just a great affirmation to win that competition, even though I’ve no idea how good we were or what the competition was really like. But to win at that point was incredibly important for morale and everyone’s belief in the whole project.

—The Edge, on winning the talent contest in Limerick[10]

In April 1977, Feedback played their first gig for a paying audience at St. Fintan’s High School. Shortly thereafter, the band changed their name to “The Hype”.[11] Dik Evans, who was older and by that time attending college, was becoming the odd man out. The rest of the band was leaning towards the idea of a four-piece ensemble.[10] In March 1978, the group changed their name to “U2”.[12] Steve Averill, a punk rock musician (with the Radiators) and family friend of Clayton’s, had suggested six potential names from which the band chose U2 for its ambiguity and open-ended interpretations, and because it was the name that they disliked the least.[13] That same month, U2, as a four-piece, won a talent contest in Limerick sponsored by Harp Lager and the Evening Press. The prize consisted of £500 and a recording session for a demo that would be heard by record label CBS Ireland.[14] The win was an important milestone and affirmation for the fledgling act.[10] Within a few days, Dik Evans was officially phased out of the band with a farewell concert at the Presbyterian Church Hall in Howth.[14] During the show, which featured the group playing cover songs as the Hype, Dik ceremonially walked offstage. The remaining four band members returned later in the concert to play original material as U2.[10] Dik joined another band, the Virgin Prunes, which comprised mutual friends of U2’s; the Prunes were their default opening act early on, and the two groups often shared members for live performances to cover for occasional absences.[15] As part of their contest prize, U2 recorded their first demo tape at Keystone Studios in Dublin in April 1978,[14] but the results were largely unsuccessful due to their inexperience.[16]

Irish magazine Hot Press was influential in shaping U2’s future; in addition to being one of their earliest allies, the publication’s journalist Bill Graham introduced the band to Paul McGuinness, who agreed to be their manager in mid-1978.[14][17] With the connections he was making within the music industry, McGuinness booked demo sessions for the group and sought to garner them a record deal. The band continued to build their fanbase with performances across Ireland,[18] the most famous of which were a series of Saturday afternoon shows at Dublin’s Dandelion Market in the summer of 1979.[19] In August, U2 recorded demos at Windmill Lane Studios with CBS talent scout Chas de Whalley producing, marking the first of the band’s many recordings at the studio during their career.[20] The following month, three songs from the session were released by CBS as the Ireland-only EP Three. It was the group’s first chart success, selling all 1,000 copies of its limited edition 12-inch vinyl almost immediately.[19] In December 1979, the band performed in London for their first shows outside Ireland, although they were unable to gain much attention from audiences or critics.[21] On 26 February 1980, their second single, “Another Day“, was released on the CBS label, but again only for the Irish market. The same day, U2 played a show at the 2,000-seat National Stadium in Dublin as part of an Irish tour.[22][23] Despite their gamble of booking a concert in such a large venue, the move paid off.[22] Bill Stewart, an A&R representative for Island Records, was in attendance and offered to sign them to the label.[24] The following month, the band signed a four-year, four-album contract with Island, which included a £50,000 advance and £50,000 in tour support.[25]

Boy and October (1980–1982)Edit

Steve Lillywhite produced the band’s first three studio albums: Boy, October, and War.

In May 1980, U2 released “11 O’Clock Tick Tock“, their first international single and their debut on Island, but it failed to chart.[25] Martin Hannett, who produced the single, was slated to produce the band’s debut album, Boy, but ultimately was replaced with Steve Lillywhite.[26] From July to September 1980, U2 recorded the album at Windmill Lane Studios,[27][28] drawing from their nearly 40-song repertoire at the time.[29] Lillywhite suggested recording Mullen’s drums in a stairwell, and recording smashed bottles and forks played against a spinning bicycle wheel.[26] The band found Lillywhite to be very encouraging and creative; Bono called him “such a breath of fresh air”, while the Edge said he “had a great way of pulling the best out of everybody”.[26] The album’s lead single, “A Day Without Me“, was released in August. Although it did not chart,[27] the song was the impetus for the Edge’s purchase of a delay effect unit, the Electro-Harmonix Memory Man, which came to define his guitar playing style and had a significant impact on the group’s creative output.[25]

Released in October 1980,[30] Boy received generally positive reviews.[31] Paul Morley of NME called it “touching, precocious, full of archaic and modernist conviction”,[32] while Declan Lynch of Hot Press said he found it “almost impossible to react negatively to U2’s music”.[33] Bono’s lyrics reflected on adolescence, innocence, and the passage into adulthood,[34] themes represented on the album cover through the photo of a young boy’s face.[26] Boy peaked at number 52 in the United Kingdom and number 63 in the United States.[30][35] The album included the band’s first songs to receive airplay on US radio, including the single “I Will Follow“,[36] which reached number 20 on the Top Tracks rock chart.[37] Boys release was followed by the Boy Tour, U2’s first tour of continental Europe and the US.[38] Despite being unpolished, these early live performances demonstrated the band’s potential, as critics complimented their ambition and Bono’s exuberance.[39]

Bono and the Edge performing on the Boy Tour in May 1981

The band faced several challenges in writing their second album, October. On an otherwise successful American leg of the Boy Tour, Bono’s briefcase containing in-progress lyrics and musical ideas was lost backstage during a March 1981 performance at a nightclub in Portland, Oregon.[40][41] The band had limited time to write new music on tour and in July began a two-month recording session at Windmill Lane Studios largely unprepared,[42] forcing Bono to quickly improvise lyrics.[40] Lillywhite, reprising his role as producer, called the sessions “completely chaotic and mad”.[43] Octobers lead single, “Fire“, was released in July and was U2’s first song to chart in the UK.[42][44] Despite garnering the band an appearance on UK television programme Top of the Pops, the single fell in the charts afterwards.[40] On 16 August 1981, the group opened for Thin Lizzy at the inaugural Slane Concert, but the Edge called it “one of the worst shows [U2] ever played in [their] lives”.[42] Adding to this period of self-doubt, Bono’s, the Edge’s, and Mullen’s involvement in a Charismatic Christian group in Dublin called the “Shalom Fellowship” led them to question the relationship between their religious faith and the lifestyle of a rock band.[40][45] Bono and the Edge considered quitting U2 due to their perceived spiritual conflicts before deciding to leave Shalom instead.[40][46]

U2 with radio host Dave Fanning (center) in February 1982

October was released in October 1981 and contained overtly spiritual themes.[47] The album received mixed reviews and limited radio play,[48] and although it debuted at number 11 in the UK,[47] it sold poorly elsewhere.[49] The single “Gloria” was U2’s first song to have its music video played on MTV, generating excitement for the band during the October Tour of 1981–1982 in markets where the television channel was available.[50] During the tour, U2 met Dutch photographer Anton Corbijn,[51] who became their principal photographer and has had a major influence on their vision and public image.[52] In March 1982, the band played 14 dates as the opening act for the J. Geils Band, increasing their exposure.[53] Still, U2 were disappointed by their lack of progress by the end of the October Tour. Having run out of money and feeling unsupported by their record label, the group committed to improving; Clayton recalled that “there was a firm resolve to come out of the box fighting with the next record”.[49]

War (1982–1983)Edit

After the October Tour, U2 decamped to a rented cottage in Howth, where they lived, wrote new songs, and rehearsed for their third album, War. Significant musical breakthroughs were achieved by the Edge in August 1982 during a two-week period of independent songwriting, while the other band members vacationed and Bono honeymooned with his wife, Ali.[54][55] From September to November, the group recorded War at Windmill Lane Studios. Lillywhite, who had a policy of not working with an artist more than twice, was convinced by the group to return as their producer for a third time.[56][57] The recording sessions featured contributions from violinist Steve Wickham and the female singers of Kid Creole and the Coconuts.[56] For the first time, Mullen agreed to play drums to a click track to keep time.[54] After completing the album, U2 undertook a short tour of Western Europe in December.[58]

Wars lead single, “New Year’s Day“, was released on 1 January 1983.[59] It reached number 10 in the UK and became the group’s first hit outside of Europe; in the US, it received extensive radio coverage and peaked at number 53.[60] Resolving their doubts of the October period,[61] U2 released War in February.[60] Critically, the album received favourable reviews, although a few UK reviewers were critical of it.[62] Nonetheless, it was the band’s first commercial success, debuting at number one in the UK, while reaching number 12 in the US.[60] Wars sincerity and “rugged” guitar were intentionally at odds with the trendier synthpop of the time.[63] A record on which the band “turned pacifism itself into a crusade”,[64] War was lyrically more political than their first two records,[65] focusing on the physical and emotional effects of warfare.[56] The album included the protest song Sunday Bloody Sunday“, in which Bono lyrically tried to contrast the events of the 1972 Bloody Sunday shooting with Easter Sunday.[54] Other songs from the record addressed topics such as nuclear proliferation (“Seconds”) and the Polish Solidarity movement (“New Year’s Day”).[66] War was U2’s first record to feature Corbijn’s photography.[67] The album cover depicted the same young child who had appeared on the cover of their debut album, albeit with his previously innocent expression replaced by a fearful one.[60]

U2 playing on an outdoor stage. The Edge is on the left playing guitar, Bono in the center with a microphone, and Adam Clayton on the right playing bass guitar. A drum set is partially visible on the right side.

U2 performing at the US Festival in May 1983

On the subsequent 1983 War Tour of Europe, the US, and Japan,[60] the band began to play progressively larger venues, moving from clubs to halls to arenas.[68] Bono attempted to engage the growing audiences with theatrical, often dangerous antics, climbing scaffoldings and lighting rigs and jumping into the audience.[69] The sight of Bono waving a white flag during performances of “Sunday Bloody Sunday” became the tour’s iconic image.[70] The band played several dates at large European and American music festivals,[59] including a performance at the US Festival on Memorial Day weekend for an audience of 125,000 people.[71] The group’s 5 June 1983 concert at Red Rocks Amphitheatre on a rain-soaked evening was singled out by Rolling Stone as one of “50 Moments that Changed the History of Rock and Roll”.[72] The show was recorded for the concert video Live at Red Rocks and was one of several concerts from the tour captured on their live album Under a Blood Red Sky.[73] The releases received extensive play on MTV and the radio, expanding the band’s audience and showcasing their prowess as a live act.[72] During the tour, the group established a new tradition by closing concerts with the War track “40“, during which the Edge and Clayton would switch instruments and the band members would leave the stage one-by-one as the crowd continued to sing the refrain “How long to sing this song?”.[74][75] The War Tour was U2’s first profitable tour, grossing about US$2 million.[76]

The Unforgettable Fire and Live Aid (1984–1985)Edit

With their record deal with Island Records coming to an end, U2 signed a more lucrative extension in 1984. They negotiated the return of the copyrights of their songs, an increase in their royalty rate, and a general improvement in terms, at the expense of a larger initial payment.[77]

U2 feared that following the overt rock of the War album and tour, they were in danger of becoming another “shrill”, “sloganeering arena-rock band”.[78] They were confident that fans would embrace them as successors to groups like the Who and Led Zeppelin, but according to Bono: “something just didn’t feel right. We felt we had more dimension than just the next big anything, we had something unique to offer.”[79] Thus, they sought experimentation for their fourth studio album, The Unforgettable Fire.[80] Clayton said, “We were looking for something that was a bit more serious, more arty.”[79] The Edge admired the ambient and “weird works” of Brian Eno, who, along with his engineer Daniel Lanois, eventually agreed to produce the record. Their hiring contravened the initial recommendation of Island Records founder Chris Blackwell, who believed that just when the band were about to achieve the highest levels of success, Eno would “bury them under a layer of avant-garde nonsense”.[81]

Partly recorded in Slane Castle, The Unforgettable Fire was released in October 1984 and was at the time the band’s most marked change in direction.[83] It was ambient and abstract, and featured a rich, orchestrated sound. Under Lanois’ direction, Mullen’s drumming became looser, funkier, and more subtle, and Clayton’s bass became more subliminal.[84] Complementing the album’s atmospheric sound, the lyrics were left open to interpretation, providing what the band called a “very visual feel”.[83] Due to a tight recording schedule, Bono felt songs like “Bad” and “Pride (In the Name of Love)” were incomplete “sketches”.[81] The album reached number one in the UK,[85] and was successful in the US.[86] The lead single “Pride (In the Name of Love)”, written about civil rights movement leader Martin Luther King Jr., was the band’s biggest hit to that point and was their first song to chart in the US top 40.[87]

U2 performing in Sydney in September 1984 on the Unforgettable Fire Tour

Much of the Unforgettable Fire Tour moved into indoor arenas as U2 began to win their long battle to build their audience.[88] The complex textures of the new studio-recorded tracks, such as “The Unforgettable Fire” and “Bad”, posed a challenge in translating to live performances.[83] One solution was programming music sequencers, which the band had previously been reluctant to use but now incorporate into the majority of their performances.[83] Songs on the album had been criticised as being “unfinished”, “fuzzy”, and “unfocused”, but were better received by critics when played on stage. Rolling Stone, which was critical of the album version of “Bad”, described its live performance as a “show stopper”.[89]

In March 1985, a Rolling Stone cover story called U2 the “Band of the ’80s”, saying that “for a growing number of rock-and-roll fans, U2 have become the band that matters most, maybe even the only band that matters”.[77] On 13 July 1985, the group performed at the Live Aid concert at Wembley Stadium for Ethiopian famine relief,[90] before a crowd of 72,000 fans and a worldwide television audience of 1.5 billion people.[91][92] During a 12-minute performance of “Bad“, Bono climbed down from the stage to embrace and dance with a female fan he had picked out of the crowd,[91] showing a television audience the personal connection that he could make with fans.[93] The performance was regarded as a pivotal event in the band’s career;[94] The Guardian cited Live Aid as the moment that made stars of U2 and included their performance on a list of 50 key events in rock history.[95]

The Joshua Tree and Rattle and Hum (1986–1990)Edit

The wild beauty, cultural richness, spiritual vacancy and ferocious violence of America are explored to compelling effect in virtually every aspect of The Joshua Tree—in the title and the cover art, the blues and country borrowings evident in the music … Indeed, Bono says that ‘dismantling the mythology of America’ is an important part of The Joshua Trees artistic objective.

Anthony DeCurtis[96]

For their fifth album, The Joshua Tree, the band wanted to build on The Unforgettable Fires textures, but instead of out-of-focus experimentation, they sought a harder-hitting sound within the limitation of conventional song structures.[97] Realising that “U2 had no tradition” and that their knowledge of music from before their childhood was limited, the group delved into American and Irish roots music.[98] Friendships with Bob Dylan, Van Morrison, and Keith Richards motivated Bono to explore blues, folk, and gospel music and to focus on his skills as a songwriter and lyricist.[99] U2 halted the album sessions in June 1986 to serve as a headline act on the Conspiracy of Hope benefit concert tour for Amnesty International. Rather than distract the band, the tour invigourated their new material.[100] The following month, Bono travelled to Nicaragua and El Salvador and saw first-hand the distress of peasants affected by political conflicts and US military intervention. The experience became a central influence on their new music.[101]

The tree pictured on The Joshua Tree album sleeve. Adam Clayton said, “The desert was immensely inspirational to us as a mental image for this record.”[102]

The Joshua Tree was released in March 1987. The album juxtaposes antipathy towards US foreign policy against the group’s deep fascination with the country, its open spaces, freedom, and ideals.[103] The band wanted music with a sense of location and a “cinematic” quality, and the record’s music and lyrics draw on imagery created by American writers whose works the band had been reading.[104] The Joshua Tree was critically acclaimed; Robert Hilburn of the Los Angeles Times said the album “confirms on record what this band has been slowly asserting for three years now on stage: U2 is what the Rolling Stones ceased being years ago—the greatest rock and roll band in the world”.[105] The record went to number one in over 20 countries,[106] including the UK where it received a platinum certification in 48 hours and sold 235,000 copies in its first week, making it the fastest seller in British chart history at the time.[107][108] In the US, it spent nine consecutive weeks at number one.[109] The album included the hit singles “With or Without You“, “I Still Haven’t Found What I’m Looking For“, and “Where the Streets Have No Name“, the first two of which became the group’s only number-one hits in the US. U2 became the fourth rock band to be featured on the cover of Time magazine,[110] which called them “Rock’s Hottest Ticket”.[111] The album and its songs received four Grammy Award nominations, winning for Album of the Year and Best Rock Performance by a Duo or Group with Vocal.[112] Many publications, including Rolling Stone, have cited it as one of rock’s greatest.[113] The Joshua Tree Tour was the first tour on which the band played shows in stadiums alongside smaller arena shows.[114] It grossed US$40 million[115] and drew 3 million attendees.[101]

In October 1988, the group released Rattle and Hum, a double album and theatrically released documentary film that captured the band’s experiences with American roots music on the Joshua Tree Tour. The record featured nine studio tracks and six live U2 performances, including recordings at Sun Studio in Memphis and collaborations with Dylan and B.B. King. Intended as a tribute to American music,[116] the project received mixed reviews from both film and music critics; one Rolling Stone editor spoke of the album’s “excitement”, another described it as “misguided and bombastic”.[117] The film’s director, Phil Joanou, described it as “an overly pretentious look at U2”.[118] Despite the criticism, the album sold 14 million copies and reached number one worldwide.[119] Lead single “Desire” became the band’s first number-one song in the UK while reaching number three in the US.[120] Most of the album’s new material was played on 1989–1990’s Lovetown Tour, which only visited Australasia, Japan, and Europe, so as to avoid the critical backlash the group faced in the US. In addition, they had grown dissatisfied with their live performances; Mullen recalled, “We were the biggest, but we weren’t the best”.[121] With a sense of musical stagnation, Bono said to fans on one of the last dates of the tour that it was “the end of something for U2” and that they had to “go away and … just dream it all up again”.[122]

Achtung Baby, Zoo TV, and Zooropa (1990–1993)Edit

Buzzwords on this record were trashy, throwaway, dark, sexy, and industrial (all good) and earnest, polite, sweet, righteous, rockist and linear (all bad). It was good if a song took you on a journey or made you think your hifi was broken, bad if it reminded you of recording studios or U2 …

Brian Eno, on the recording of Achtung Baby[123]

Stung by the criticism of Rattle and Hum, the band sought to transform themselves musically.[124] Seeking inspiration from German reunification, they began work on their seventh studio album, Achtung Baby, at Berlin’s Hansa Studios in October 1990 with producers Daniel Lanois and Brian Eno.[125] The sessions were fraught with conflict, as the band argued over their musical direction and the quality of their material. While Clayton and Mullen preferred a sound similar to U2’s previous work, Bono and the Edge were inspired by European industrial music and electronic dance music and advocated a change. Weeks of tension and slow progress nearly prompted the group to break up until they made a breakthrough with the improvised writing of the song “One“.[126] They returned to Dublin in 1991, where morale improved and the majority of the album was completed.

Achtung Baby was released in November 1991. The album represented a calculated change in musical and thematic direction for the group; the shift was one of their most dramatic since The Unforgettable Fire.[128] Sonically, the record incorporated influences from alternative rock, dance, and industrial music of the time, and Bono referred to its musical departure as “four men chopping down the Joshua Tree”.[129] Thematically, it was a more introspective and personal record; it was darker, yet at times more flippant than the band’s previous work. Commercially and critically, it has been one of the band’s most successful albums. It produced five hit singles, including “The Fly“, “Mysterious Ways“, and “One”, and it was a crucial part of the band’s early 1990s reinvention.[130] In 1993, Achtung Baby won the Grammy Award for Best Rock Performance by a Duo or Group with Vocal.[131] Like The Joshua Tree, many publications have cited the record as one of rock’s greatest.[113]

Bono with black hair, black sunglasses, and a black leather attire speaking into a microphone.

Bono in March 1992 on the Zoo TV Tour portraying his persona “The Fly”, a leather-clad egomaniac meant to parody rock stardom.

Like Achtung Baby, the 1992–1993 Zoo TV Tour was an unequivocal break with the band’s past. In contrast to the austere stage setups of previous U2 tours, Zoo TV was an elaborate multimedia event. It satirised the pervasive nature of television and its blurring of news, entertainment, and home shopping by attempting to instill “sensory overload” in its audience.[129][132][133] The stage featured large video screens that showed visual effects, random video clips from pop culture, and flashing text phrases, along with a lighting system partially made of Trabant automobiles.[134] Whereas U2 were known for their earnest performances in the 1980s, the group’s Zoo TV performances were intentionally ironic and self-deprecating.[129] On stage, Bono performed as several over-the-top characters, including the leather-clad egomaniac “The Fly”,[135] the greedy televangelist “Mirror Ball Man”, and the devilish “MacPhisto”.[136] Prank phone calls were made to President Bush, the United Nations, and others. Live satellite link-ups to war-torn Sarajevo caused controversy.[137] Zoo TV was the highest-grossing North American tour of 1992, earning US$67 million.[138]

In June 1993, U2 signed a long-term, six-album deal to remain with Island Records/PolyGram.[139] The Los Angeles Times estimated that the deal was worth US$60 million to the band,[140] making them the highest-paid rock group ever.[141] The following month, the group released a new album, Zooropa. Quickly recorded during a break in the Zoo TV Tour in early 1993, it expanded on many of the themes from Achtung Baby and the Zoo TV Tour. Initially intended to be an EP, Zooropa ultimately evolved into a full-length LP album. It was an even greater musical departure for the group, delving further into electronic, industrial, and dance music.[142] Country musician Johnny Cash sang the lead vocals on the closing track “The Wanderer“. Most of the songs were played at least once during the 1993 legs of the tour, which visited Europe, Australia, New Zealand, and Japan; half the album’s tracks became permanent fixtures in the setlist.[143] Although the commercially successful Zooropa won the Grammy Award for Best Alternative Music Album in 1994, the band regard it with mixed feelings, as they felt it was more of “an interlude”.

Clayton’s issues with alcohol came to a head on the final leg of the Zoo TV Tour. After experiencing a blackout, Clayton was unable to perform for the group’s 26 November 1993 show in Sydney,[144] which served as the dress rehearsal for a worldwide television broadcast the following night. Bass guitar technician Stuart Morgan filled in for him, marking the first time a member of U2 had missed a concert since their earliest days.[145] After the incident, Clayton resolved to quit drinking alcohol.[144] The tour concluded the following month in Japan. Overall, it tallied 5.3 million in ticket sales[146] and US$151 million in gross revenues.[147] Qs Tom Doyle called Zoo TV “the most spectacular rock tour staged by any band” in 2002.[148]

Passengers, Pop, and PopMart

Riccione RN IT

https://m.facebook.com/www.ristorantealba/

https://wp.me/p6ROZV-XH

https://www.net-parade.it/iscritti.aspx

Questo Link vi permetterà di effettuare l’ iscrizione a http://www.Net-Parade.it e di registrarvi a 25 motori di ricerca gratuitamente e ricordatevi la data in cui l’ avete fatto perché così, nel panorama dei siti internet presenti in questo http://www.Net-Parade.it, il vostro sito internet che si costruisce gratuitamente su piattaforme come http://www.wix.com oppure http://www.wordpress.com gratuitamente ma ad esempio per le newsletter occorre passare a Premium e si pagano le prestazioni, verrà subito recuperato nella posizione che attualmente occupa.

Vi è piaciuto il mio votatelo

Il buddismo

Caro,

I tempi erano terribili e molti hanno dovuto soffrire. Questo è un momento in cui molte persone cercano conforto e pace interiore. Anche se non possiamo cambiare molto di ciò che sta accadendo intorno a noi. Ma possiamo calibrare il nostro io interiore.

Personalmente trovo il buddismo (il modo di vivere) davvero utile.

Prenditi del tempo libero per esplorare il buddismo nel breve video qui sotto (incluso il mantra che calma le nostre anime).

Il buddismo è uno stile di vita – dalla pasta.
https://www.youtube.com/watch?v=pbngKOUgCDY

Il percorso per diventare un buddista – Di Emma Slade
https://www.youtube.com/watch?v=QnJIjEAE41w

Se sei curioso di Il “grande mantra della misericordia” come menzionato nel video sopra, puoi ascoltarlo qui e calmare la tua anima.
https://www.youtube.com/watch?v=72luMobA_vI

Il buddismo è uno stile di vita piuttosto che una religione. Indipendentemente dal tuo background, crediamo che tutti possano incorporare il buddismo nella loro vita quotidiana.

Come praticare il buddismo per principianti e occidentali. (Daily Practice) di Alan Peto
https://www.youtube.com/watch?v=89gM2g0KOYU

Se lo trovi utile e conosci qualcuno da condividere

Alter Ego Droga e cervello

“Alter Ego” di Stefano Canali

Ricercatore dell’Area Neuroscienze e del Laboratorio Interdisciplinare della Scuola Internazionale di Studi Superiori Avanzati, dove dirige la Scuola di Neuroetica. E’ presidente del Comitato Scientifico della Società Italiana Tossicodipendenze e redattore della rivista Medicina delle Tossicodipendenze – Italian Journal of Addiction. E’ autore di circa un centinaio di pubblicazioni sul tema delle sostanze e delle dipendenze e del blog Psicoattivo

http://www.edscuola.it/archivio/handicap/droga06.html

Alla scoperta delle emozioni con il neuroscienziato Stefano Canali – giovedi’ 4 ottobre parte all’IRSE “Affascinati dal cervello” 2018

Affascinati dal cervello
11^ edizione
Pordenone, 4/25 ottobre 2018
Auditorium Centro Culturale
Casa A. Zanussi Pordenone
AFFASCINATI DAL CERVELLO: ALLA SCOPERTA DELLE EMOZIONI CON IL NEUROSCIENZIATO STEFANO CANALI.
GIOVEDI’ 4 OTTOBRE ALLE 15.30 A CASA ZANUSSI IL PRIMO INCONTRO DEL CICLO IRSE.

Danno un senso, un valore e il giusto sapore alla percezione di noi stessi e del mondo, alle relazioni con gli altri, ai nostri obiettivi e alle nostre aspettative. Ma cosa sono esattamente le emozioni, impulsi capaci di guidare ogni giorno le nostre azioni? Come e perché condizionano le percezioni, i ricordi, i nostri giudizi, le decisioni che prendiamo, le nostre scelte morali? Una risposta a questi interrogativi arriverà con il primo incontro in cartellone a Pordenone per il ciclo “Affascinati dal cervello”, l’annuale format promosso dall’IRSE, l’Istituto Regionale di Studi Europei del Friuli Venezia Giulia a cura di Laura Zuzzi. Giovedì 4 ottobre, alle 15.30, nell’Auditorium Centro Culturale Casa A. Zanussi Pordenone (via Concordia 7) appuntamento con il neuroscienziato, Stefano Canali, ricercatore del Laboratorio Interdisciplinare della Scuola Internazionale di Studi Superiori Avanzati SISSA, di Trieste. Sarà lui a guidarci nella prima tappa – con ingresso aperto alla città – fra scienza e cultura, sul filo rosso 2018 che indaga “Il cervello e le emozioni, tra adattamenti e malattia”. «Senza emozioni – spiega Canali – tutto ci apparirebbe indifferente, remoto, privo di significato. Ma cosa sono realmente le emozioni? Sono espressioni biologiche, funzioni innate determinate dai nostri geni oppure reazioni apprese, modellate dalla cultura e dalle nostre esperienze? Spesso – prosegue Canali – le emozioni si impongono sulla ragione, sfuggono al controllo della volontà. La loro espressione nel volto e nel corpo degli altri ci racconta così tanto della loro vita interiore e di frequente non riusciamo a nasconderle o a dissimularle. Ma in che modo il cervello coordina e modula le molte facce delle emozioni? L’incontro cercherà di dimostrare che la risposta a queste diverse domande passa in realtà attraverso una comune spiegazione. Un’interpretazione storico-evoluzionistica, compresa tra biologia, neuroscienze, arte, filosofia e politica. In effetti, e lo vediamo chiaramente oggi, pur dipendendo dal cervello e pur essendo vissute soggettivamente, le emozioni sono molto di più che un processo biologico o un fatto individuale. Il loro senso è nella società e la civiltà stessa si poggia sulle emozioni, sulla loro comunicazione e sul loro controllo. Se pensiamo alla giustizia, alla fiducia, alla lealtà, all’uguaglianza, al rispetto, all’onestà, ci riferiamo fondamentalmente all’imperfetta democrazia delle emozioni che gli uomini stanno tentando con fatica di costruire nel corso della storia. Così, per migliorare la qualità della nostra vita e delle sofferenti democrazie politiche contemporanee, servono oggi, e con urgenza, una più compiuta comprensione delle emozioni e una vera democrazia dei processi emotivi». Si prosegue giovedì 11 ottobre con Michela Balconi, docente di neuropsicologia e neuroscienze cognitive: approfondiremo nuovi metodi per l’analisi e la comprensione della relazione tra processi affettivi e indici fisiologici, con applicazioni a casi clinici e contesti sperimentali. Siamo “solo” infelici e tristi o malati di depressione? Ne tratterà, giovedì 25 ottobre, il biologo e psicologo Tullio Giraldi, Quanto il disagio individuale è costituito da difficoltà di adattamento ad eventi della vita e da emozioni e sentimenti che non costituiscono una malattia, per i quali l’esclusiva prescrizione di psicofarmaci può essere una risposta inappropriata.
Stefano Canali è coordinatore del comitato scientifico della Società Italiana Tossicodipendenze. Cofondatore della Società Italiana di Neuroetica e Filosofia delle neuroscienze. Condirettore della collana MeFiSto – Medicina, Filosofia e Storia ETS editore Pisa. Editor della rivista Medicina & Storia e di Medicina delle Dipendenze – Italian Journal of Addiction. Più volte Fellow presso il Centre for the History of Medicine, University College London. Autore di numerosi articoli e monografie sulla storia delle neuroscienze e la filosofia delle scienze mediche, in particolare sul tema delle dipendenze e per il quale ha realizzato anche mostre e documentari tradotti in più lingue. Su etica e politica delle dipendenze ha scritto per Le Scienze, Mente & Cervello, Sapere, Prometeo. Cura il sito http://www.psicoattivo.com di informazione scientifica sulle dipendenze.
Info IRSE – Istituto Regionale di Studi Europei del Friuli Venezia Giulia tel 0434 365326

http://www.centroculturapordenone.it/irse

Reazioni emotive al Covid-19 e aumento del consumo di alcol e droghe

By Stefano Canali | 5 Febbraio 2021

Walter Gramatté, Bevitore, 1922 (particolare)

Un numero sempre più cospicuo di ricerche sta dimostrando che c’è stato un aumento sostanziale nell’uso e nell’abuso di sostanze psicoattive, alcol, tabacco, droghe illegali durante la pandemia di COVID-19, e che i consumatori descrivono l’uso/abuso di sostanze come un modo, seppur problematico e potenzialmente patogeno, di far fronte all’ansia riguardante COVID-19 (Rodriguez et al., 2020). Diverse ricerche indicano aumenti sostanziali nel consumo di alcol (10-23%), cannabis (6-8%), altre droghe (3%) (Ipsos, 2020a,b,c; Morning Consult, 2020; Rotermann, 2020).

Le indagini empiriche hanno identificato due tipi estremi di reazioni emotive e comportamentali alla pandemia COVID-19 (Taylor et al., 2020a,b,c). Un tipo estremo è quello in cui le persone hanno reagito con elevati livelli di ansia o angoscia, un altro tipo è quello delle persone con comportamenti di disinteresse e negazionismo. Entrambe queste reazioni sono accompagnate da un aumento del consumo di alcol e droghe.

Sindrome da stress traumatico da Covid-19

L’ansia per il COVID-19 è più di una semplice preoccupazione per l’infezione. La ricerca scientifica sembra fornire prove che questa sia una sindrome da stress, una condizione disturbante con una sua possibile fisionomia. La sindrome da stress da COVID-19 sembra caratterizzata da: 1) preoccupazione per i pericoli legati al COVID-19 e preoccupazione di entrare in contatto con oggetti o superfici contaminate dal coronavirus; 2) ansia per l’impatto socioeconomico personale del COVID-19; 3) preoccupazione xenofoba che gli stranieri stiano diffondendo il COVID-19; 4) sintomi di stress traumatico legati al COVID-19 (per esempio, alterazione del sonno, incubi, alterazione del comportamento alimentare, ritiro, apatia); e 5) ricerca compulsiva di informazioni legate alla COVID-19 nel tentativo di rendere i rischi più predicibili e controllabili. Questo ultimo comportamento ha un effetto paradosso perché nei cittadini l’aumento delle informazioni, dei dati sulla pandemia e le infezioni tende ad aumentare le paure, lo stress e gli elementi traumatici ad essi associati.

Sindrome da disinteresse per il Covid-19

La reazione estrema opposta a questa di tipo ansioso e traumatico è quella in cui le persone hanno risposto in modo negligente alle regole di distanziamento interpersonale, rifiutandole e trasgredendo le altre restrizioni come il lockdown, il coprifuoco serale, credendo che il pericolo del COVID-19 sia stato strumentalmente esagerato.

Secondo taluni studiosi, questa costellazione di tratti comportamentali è configurabile come una specifica “sindrome”, caratterizzata da (1) convinzione di avere una solida salute fisica contro il COVID-19, (2) convinzione che la minaccia del COVID-19 sia stata esagerata, e (3) disinteresse per la distanza sociale. Questi formerebbero anche una rete di tratti comportamentali problematici che si è proposto di chiamare “sindrome da disinteresse per il COVID-19”.

L’aumento dell’uso di alcol e droghe si ritrova in entrambe le sindromi

In questi due gruppi che hanno manifestato opposte ed estreme reazioni al Covid-19 si sono rilevati aumenti del consumo di alcol e altre sostanze psicoattive. Un recentissimo studio su un campione di oltre 3000 adulti ha provato a comprendere in che modo queste due opposte reazioni emotive alla pandemia siano correlate all’aumento del consumo di sostanze psicoattive legali e di droghe (Taylor et al, 2021).

Lo studio ha dimostrato che l’aumento dell’uso di sostanze psicoattive correla più fortemente con la sindrome da stress traumatico, tra i due tipi di sindromi descritte sopra. Questo aumento è determinato dall’uso delle sostanze psicoattive e dell’alcol per attenuare lo stress associato all’isolamento sociale, alle emozioni negative, ai forti livelli di ansia e di preoccupazioni che la pandemia ha determinato in un vasto gruppo di persone, in particolare le paure per la pericolosità del covid-19. Questo suggerirebbe di lavorare a livello pubblico con campagne informative volte a ridurre la preoccupazione per il covid, perché attenuando le emozioni negative si potrebbe ottenere una riduzione dell’abuso di sostanze psicoattive. Purtroppo in una situazione di emergenza sanitaria come questa le cose non possono essere semplici e lineari. Lo studio dimostra infatti che più basi sono i livelli di preoccupazione per il covid e maggiori sono i comportamenti di violazione delle regole per prevenire il contagio.

D’altra parte, un’altra forte correlazione con l’aumento dell’uso di alcol e sostanze psicoattive riguarda la sindrome reattiva al covid-19 opposta a quella da stress traumatico: la sindrome da disinteresse da covid-19. In questo caso lo studio ha notato che maggiore è il consumo dichiarato di sostanze psicoattive e alcol per finalità voluttuarie più elevate sono la negligenza e la negazione delle disposizioni per il distanziamento.

Questi risultati evidenziano le complessità nella gestione delle pandemie a livello di comunità. I messaggi delle autorità sanitarie che alleviano le preoccupazioni per le persone altamente ansiose potrebbero esacerbare il disinteresse per il distanziamento interpersonale e le misure di prevenzione tra le persone che vedono i rischi del COVID-19 come esagerati.

Le analisi di rete in ogni caso suggeriscono che prendere di mira sia i sintomi di stress traumatico legati al COVID-19 (per esempio, attraverso la terapia cognitivo-comportamentale) che il disinteresse per il distanziamento interpersonale e le misure di prevenzione del contagio (attraverso campagne pubbliche sui media) potrebbero avere entrambi un impatto benefico sull’abuso di sostanze legato alla COVID-19.

Stefano Canali

Riferimenti bibliografici

Ipsos (2020a). CMHO/AMHO mental health week poll. Addictions and mental health Ontario. https://amho.ca/wp-content/uploads/CMHO-AMHO-Ipsos-SLIDES_-May-6.pdf, accessed September 28, 2020.

Ipsos (2020b). US COVID-19 aggregated topline report. https://www.google.com/search?client=firefox-b-e&q=Ipsos+US+COVID19+aggregated+topline+report, accessed September 28, 2020.

Ipsos (2020c). More suffering from under exercising, anxiety than other health concerns due to COVID-19: Poll. https://www.ipsos.com/en/more-suffering-under-exercising-anxietyother-health-concerns-due-covid-19-poll, accessed September 28, 2020.

Morning Consult (2020). Cooped up at home, millennials most likely among all adults to turn to food, alcohol. https://morningconsult.com/2020/04/06/coronavirus-social-distancingmillennials-eating-drinking/, accessed September 28, 2020.

Rodriguez, L. M., Litt, D. M., & Stewart, S. H. (2020). Drinking to cope with the pandemic: The unique associations of COVID-19-related perceived threat and psychological distress to drinking behaviors in American men and women. Addictive Behaviors, 110, 106532. https://doi.org/10.1016/j.addbeh.2020.106532

Rotermann, M. (2020). Canadians who report lower self-perceived mental health during the COVID-19 pandemic more likely to report increased use of cannabis, alcohol and tobacco. Ottawa: Statistics Canada.

Taylor, S., Landry, C. A., Paluszek, M. M., & Asmundson, G. J. G. (2020a). Reactions to COVID-19: Differential predictors of distress, avoidance, and disregard for social distancing. Journal of Affective Disorders, 277, 94-98. https://doi.org/10.1016/j.jad.2020.08.002

Taylor, S., Landry, C. A., Paluszek, M. M., Fergus, T. A., McKay, D., & Asmundson, G. J. G. (2020b). Development and initial validation of the COVID Stress Scales. Journal of Anxiety Disorders, 72, 102232. https://doi.org/10.1016/j.janxdis.2020.102232

Taylor, S., Landry, C. A., Paluszek, M. M., Fergus, T. A., McKay, D., & Asmundson, G. J. G. (2020c). COVID Stress Syndrome: Concept, structure, and correlates. Depression and Anxiety, 37, 706-714. https://doi.org/10.1002/da.23071.

Taylor S, Paluszek MM, Rachor GS, McKay D, Asmundson GJG. Substance use and abuse, COVID-19-related distress, and disregard for social distancing: A network analysis. Addict Behav. 2021 Mar;114:106754. doi: 10.1016/j.addbeh.2020.106754

Myanmar

Colpo di Stato in Birmania del 2021
parte del Conflitto interno in Birmania

Aung San Suu Kyi & Min Aung Hlaing collage.jpg

Aung San Suu Kyi (a sinistra) e Min Aung Hlaing (a destra)Data1º febbraio 2021LuogoBirmaniaCausa

  • Accuse di brogli elettorali e instabilità politica tra il governo e i vertici dell’esercito

Esito

  • Destituzione e arresto del presidente Win Myint e della consigliere di Stato Aung San Suu Kyi
  • Scioglimento del parlamento
  • Dichiarazione dello stato d’emergenza per un anno

Schieramenti

Birmania
Flag of the Myanmar Armed Forces.svg

Governo della BirmaniaTatmadawComandanti

Birmania
Birmania
Flag of the Myanmar Armed Forces.svg
Flag of the Myanmar Armed Forces.svg

Min Aung Hlaing (Comandante in Capo delle Forze Armate della Birmania) Myint Swe (Vice Presidente della Birmania)Voci di colpi di Stato presenti su Wikipedia

Il colpo di Stato in Birmania del 2021 o colpo di Stato in Myanmar del 2021[1][2] è stato un colpo di Stato militare messo in atto dalle forze armate birmane la mattina del 1º febbraio 2021 per rovesciare il governo di Aung San Suu Kyi, che è stata arrestata[3][4].

AntefattiModifica

Le elezioni legislative birmane del 2020 sono vinte come le precedenti dalla Lega Nazionale per la Democrazia, guidata da Aung San Suu Kyi, mentre il Partito dell’Unione della Solidarietà e dello Sviluppo, vicino all’esercito, ha conquistato solo poche decine di seggi.

Il 26 gennaio 2021, il generale Min Aung Hlaing, capo delle forze armate, ha contestato i risultati del ballottaggio e ne ha chiesto la riverifica, altrimenti l’esercito sarebbe intervenuto per risolvere la crisi politica in corso. La commissione elettorale ha però negato queste accuse[5].

EventiModifica

Un blocco militare lungo la strada che porta all’ufficio governativo della regione di Mandalay.

Il consigliere di Stato Aung San Suu Kyi, il presidente Win Myint e altri leader del partito al governo sono stati arrestati e detenuti dal Tatmadaw, l’esercito del Myanmar. In seguito, l’esercito del Myanmar ha dichiarato lo stato di emergenza della durata di un anno e ha affermato che il potere era stato consegnato al comandante in capo delle forze armate Min Aung Hlaing[6][7][8].

In una dichiarazione televisiva, i militari hanno giustificato questo colpo di Stato con la necessità di preservare la “stabilità” dello Stato. Hanno accusato la commissione elettorale di non aver posto rimedio a “enormi irregolarità” che sarebbero avvenute, secondo loro, durante le ultime elezioni. L’esercito ha comunicato inoltre che verrà istituita una “vera democrazia multipartitica” e che il trasferimento dei poteri averrà solo dopo “lo svolgimento di elezioni generali libere ed eque”[9].

Le telecomunicazioni nel Paese hanno risentito gravemente degli eventi: le linee telefoniche nella capitale sono state tagliate,[10] la televisione pubblica ha interrotto le trasmissioni per “problemi tecnici”[11] e l’accesso a Internet è stato bloccato.[12]

ProtesteModifica

Un gruppo di circa 200 immigrati birmani e alcuni attivisti pro-democrazia thailandesi tra cui Parit Chiwarak e Panusaya Sithijirawattanakul hanno organizzato una protesta contro il colpo di Stato presso l’ambasciata birmana a Bangkok, in Thailandia. Secondo quanto riferito, alcuni manifestanti hanno mostrato il saluto con tre dita, il simbolo usato durante le proteste pro-democrazia thailandesi.[13] La protesta si è conclusa con una repressione da parte della polizia; due manifestanti sono stati feriti e ricoverati in ospedale, e altri due sono stati arrestati.[14]

Proteste a Bangkok

Anche a Tokyo, in Giappone dei cittadini birmani si sono riuniti davanti all’ufficio delle Nazioni Unite per protestare contro il colpo di Stato.[15]

Anche nei giorni successivi al golpe si sono susseguite manifestazioni pacifiche in Myanmar, che, tuttavia, sono state represse duramente dalla polizia e che hanno portato alla dichiarazione della legge marziale in buona parte del Paese.

Reazioni internazionaliModifica

Diversi paesi (tra cui India,[16] Indonesia,[17] Giappone,[18] Malaysia,[19] e Singapore)[20] hanno espresso preoccupazioni per l’evoluzione del colpo di Stato e hanno invitato il governo e l’esercito al dialogo. Australia,[21] Nuova Zelanda,[22] Turchia[23] Regno Unito,[24] e Stati Uniti[25] hanno condannato il colpo di Stato e hanno chiesto il rilascio dei detenuti; la Casa Bianca ha anche minacciato di imporre sanzioni agli autori del colpo di Stato.[26][27] CambogiaFilippine e Thailandia hanno rifiutato esplicitamente di sostenere una parte, classificando il colpo di Stato come una questione interna.[28][29][30] Il presidente degli USA Joe Biden ha condannato il colpo di Stato definendolo “un attacco diretto alla transizione del paese verso la democrazia e lo stato di diritto”.[31][32]

L’Organizzazione delle Nazioni Unite attraverso il proprio Segretario generale António Guterres, ha condannato fermamente la detenzione dei leader e ha descritto il colpo di Stato come “un grave colpo alla democrazia in Birmania” e ha aggiunto che i risultati delle elezioni generali di novembre avevano fornito un “forte mandato” alla Lega Nazionale per la Democrazia.[33][33]

Anche l’Unione europea e l’Associazione delle Nazioni del Sud-est asiatico hanno condannato il colpo di Stato.[34][35][36]

Note

L’ ercito del Myanmar ha preso il potere dopo aver arrestato Aung San Suu Kyi e altri leader democraticamente eletti.

Le truppe pattugliano le strade ed è in vigore il coprifuoco notturno, con lo stato di emergenza dichiarato di un anno.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha sollevato la minaccia di nuove sanzioni, con l’ONU e il Regno Unito che hanno anche condannato il colpo di stato.

L’esercito sostiene che la recente schiacciante vittoria elettorale del partito della sig.ra Suu Kyi è stata viziata da una frode. Ha esortato i sostenitori a “protestare contro il colpo di stato”.

In una lettera scritta in preparazione della sua imminente detenzione, ha affermato che le azioni dei militari avrebbero riportato il paese sotto una dittatura.

L’esercito ha già annunciato la sostituzione di un certo numero di ministri.

Per le strade della città principale, Yangon (Rangoon), la gente diceva di sentire che la loro dura battaglia per la democrazia era andata persa.

Un residente di 25 anni, che ha chiesto di non essere nominato, ha detto alla BBC: “Svegliarsi per sapere che il tuo mondo è stato completamente capovolto durante la notte non era una sensazione nuova, ma una sensazione che pensavo che fossimo andati avanti da, e uno che non avrei mai pensato che saremmo stati costretti a provare di nuovo. “

Il Myanmar, noto anche come Birmania, è stato governato dalle forze armate dal 1962 al 2011, quando un nuovo governo ha iniziato a inaugurare un ritorno al governo civile


Da Velasca a te: le scarpe artigianali senza costi extra

Da Velasca a te: le scarpe artigianali senza costi extraSponsorizzato da Velasca

Automatic gunfire has been heard at a protest in northern Myanmar amid signs that the military is preparing a crackdown on opposition to the coup it carried out on 1 February.

Western embassies in Myanmar urged the military not to use violence as troops were reported on the streets of the largest city, Yangon.

Telecoms companies have been ordered to shut off the internet from 18:30 GMT.

The US advised its citizens in Myanmar to “shelter in place”.

Meanwhile, a statement signed by the European Union, United States and Britain said: “We call on security forces to refrain from violence against demonstrators, who are protesting the overthrow of their legitimate government.”https://d-28824907723572462810.ampproject.net/2101300534005/frame.html

The coup in Myanmar (also known as Burma) removed the civilian government led by Aung San Suu Kyi. Her party won a resounding victory at the election in November, but the military said the vote was fraudulent.

Ms Suu Kyi is now under house arrest. Hundreds of activists and opposition leaders have been detained.

What are the signs that the military could crack down?

At a protest in Kachin state, in the north, automatic gunfire could be heard as security forces clashed with anti-coup demonstrators in the city of Myitkyina. It was not clear whether rubber bullets or live rounds were being fired.https://d-28824907723572462810.ampproject.net/2101300534005/frame.html

1px transparent line

In Yangon, there is a heavy military presence, reports the BBC’s South East Asia correspondent, Jonathan Head. Earlier on Sunday, armoured vehicles were seen on the streets for the first time since the coup.

Across the country, hundreds of thousands of protesters rallied against the military for the ninth day in a row.

Telecoms operators in Myanmar are advising their customers that they have been told to shut off internet services from 01:00 to 09:00 local time, Sunday into Monday (18:30 to 02:30 GMT).

An office of the US embassy in Yangon warned US nationals to stay indoors during curfew hours.https://d-28824907723572462810.ampproject.net/2101300534005/frame.html

1px transparent line

On Saturday, the military said arrest warrants had been issued for seven prominent opposition campaigners and warned the public not to harbour opposition activists fleeing arrest.

Video footage showed people reacting with defiance, banging pots and pans to warn their neighbours of night-time raids by the security forces.

The military on Saturday also suspended laws requiring court orders for detaining people longer than 24 hours and for searching private property.

2px presentational grey line

Myanmar – the basics

  • Myanmar, also known as Burma, was long considered a pariah state while under the rule of an oppressive military junta from 1962 to 2011
  • A gradual liberalisation began in 2010, leading to free elections in 2015 and the installation of a government led by veteran opposition leader Aung San Suu Kyi the following year
  • In 2017, Rohingya militants attacked police posts, and Myanmar’s army and local Buddhist mobs responded with a deadly crackdown, reportedly killing thousands of Rohingya and burning villages. More than half a million Rohingya fled across the border into Bangladesh, and the UN later called it a “textbook example of ethnic cleansing”
  • Aung San Suu Kyi and her government were overthrown in an army coup on 1 February following a landslide NLD win in November’s elections
2px presentational grey line

Gregory David Roberts in Shantaram traduzione di Vincenzo Mingiardi

Shantaram

romanzo scritto da Gregory David Roberts

ShantaramTitolo originaleShantaramAutoreGregory David Roberts1ª ed. originale20031ª ed. italiana2005GenereromanzoSottogenereautobiograficoLingua originaleingleseSeguito daL’ombra della montagna

Shantaram è un romanzo autobiografico del 2003 scritto dallo scrittore australiano Gregory David Roberts.

Shantaram è la storia schietta e anti-retorica di un latitante, basata sull’esperienza di Roberts, al tempo rapinatoreeroinomane, evaso dal carcere di Pentridge e rifugiatosi in India, dove ha poi vissuto per dieci anni. In fuga a Bombay, apre un piccolo ambulatorio gratuito in uno slum (baraccopoli) del terzo mondo, lavora per il principale boss della mafia di Bombay, opera come riciclatore di denaro sporco e come “soldato di strada”,[1] affronta le armi russe nelle montagne dell’Afghanistan e si guadagna il soprannome – attribuitogli con acume dalla madre della prima persona, ritenuta affidabile, incontrata a Bombay – di Shantaram, che in lingua marathi significa “uomo di pace” ovvero “uomo della pace di Dio“.

Trama

Nel 1978, Roberts viene condannato a 19 anni di reclusione per alcune rapine commesse quando era tossicodipendente, ma nel luglio del 1980 evade dal carcere di massima sicurezza dello Stato di Victoria in pieno giorno, divenendo da quel momento uno degli uomini più ricercati dell’Australia per tutto il decennio successivo.

Per la maggior parte del periodo di latitanza, Roberts vive a Bombay. Dopo aver conosciuto un uomo del posto, Prabaker, che diventerà il suo miglior amico, organizza una clinica gratuita negli slum, le baraccopoli indiane, in cui impara a conoscere la cultura indiana e le caratteristiche della gente che avrebbe poi finito per amare intensamente.

A causa della sua attività subisce la vendetta della più famosa e influente maîtresse di Bombay, che lo fa arrestare senza un reale capo d’accusa. Rimarrà rinchiuso in carcere, picchiato selvaggiamente e maltrattato, per circa quattro mesi finché un suo amico, su richiesta di Abdel Khader Khan, il capo di uno dei clan mafiosi più potenti di Bombay, lo farà liberare.

Successivamente inizia a lavorare per lo stesso Abdel Khader Khan, operando nel riciclaggio di valuta e nella contraffazione di passaporti. Al contempo, condivide le responsabilità dei suoi nuovi amici, incontrati nel lavoro che svolge presso gli slums. Vivrà poi molte avventure, tra cui parecchi scontri con gang criminali del luogo e l’ingresso negli affari di Bollywood (l’industria cinematografica indiana).

Più avanti si dedicherà ad una missione finalizzata al contrabbando d’armi in favore dei mujaheddin afghani e nel corso di questa lunga spedizione, durante la quale il suo gruppo sarà coinvolto in alcuni episodi di guerriglia, arriva fino alle porte di Kandahar. In tale contesto avviene l’uccisione del suo mentore Khan. Da quel momento tutto gli appare sbagliato e orrendo, e cade in depressione, ritenendo che tutti i suoi amici, Prabaker compreso, siano morti.

Conclude acquisendo la consapevolezza di dover combattere per ciò che crede giusto, e costruirsi una vita onesta a Bombay

Quello che non si doveva dire di Enzo Biagi

Fu un partigiano https://www.facebook.com/FabrizioMassimillaBlog/videos/1908121639427825/

Enzo Marco Biagi (Lizzano in Belvedere, 9 a

gosto 1920 – Milano, 6 novembre 2007) è stato un giornalista, scrittore, conduttore televisivo e partigiano italiano. È stato uno dei volti più popolari del giornalismo italiano del XX secolo.[1][2] Enzo Biagi nel 1976 Biografia Modifica Gli esordi Modifica «Ho sempre sognato di fare il giornalista, lo scrissi anche in un tema alle medie: lo immaginavo come un “vendicatore” capace di riparare torti e ingiustizie […] ero convinto che quel mestiere mi avrebbe portato a scoprire il mondo» (Enzo Biagi (Era ieri)) Nato nel piccolo borgo appenninico di Pianaccio, all’età di nove anni si trasferì a Bologna nel rione di Porta Sant’Isaia, dove il padre Dario (1891-1942) lavorava già da qualche anno come vice capo magazziniere in uno zuccherificio. L’idea di diventare giornalista nacque in lui dopo aver letto Martin Eddi Jack London. Frequentò l’istituto tecnico per ragionieri Pier Crescenzi, dove con altri compagni diede vita ad una piccola rivista studentesca, Il Picchio, che si occupava soprattutto di vita scolastica. Il Picchio fu soppresso dopo qualche mese dal regime fascista e da allora nacque in Biagi una forte indole antifascista.[3] Enzo Biagi con Lucia Ghetti nel 1943 Nel 1937, all’età di diciassette anni, cominciò a collaborare con il quotidiano bolognese L’Avvenire d’Italia, occupandosi di cronaca, di colore e di piccole interviste a cantanti lirici. Il suo primo articolo fu dedicato al dilemma, vivo nella critica dell’epoca, se il poeta di Cesenatico Marino Moretti fosse o no crepuscolare. Nel 1940 fu assunto in pianta stabile dal Carlino Sera, edizione pomeridiana del Resto del Carlino, il principale quotidiano bolognese, come estensore di notizie, ovvero colui che si occupa di sistemare gli articoli portati in redazione (il lavoro di “cucina”, come si dice in gergo). Nel 1942 fu chiamato alle armi ma non partì per il fronte a causa di problemi cardiaci (che lo accompagneranno per tutta la vita). Il 18 dicembre 1943 si sposò con Lucia Ghetti, maestra elementare. Poco dopo fu costretto a rifugiarsi sulle montagne, dove aderì alla Resistenza combattendo nelle brigate Giustizia e Libertà legate al Partito d’Azione, di cui condivideva il programma e gli ideali. In realtà Biagi non combatté mai: il suo comandante, infatti, pur senza dubitare della sua fedeltà lo trovava troppo gracile. Prima gli diede compiti di staffetta, poi gli affidò la stesura di un giornale partigiano, Patrioti, di cui Biagi era in pratica l’unico redattore e con il quale informava la gente sul reale andamento della guerra lungo la Linea Gotica. Del giornale uscirono appena quattro numeri: la tipografia fu distrutta dai tedeschi. Biagi considerò sempre i mesi che passò da partigiano come i più importanti della sua vita: in memoria di ciò, volle che la sua salma fosse accompagnata al cimitero sulle note di Bella ciao.[4] Terminata la guerra, Biagi entrò con le truppe alleate a Bologna e fu proprio lui ad annunciare dai microfoni del Psychological Warfare Branch alleato l’avvenuta liberazione. Poco dopo fu assunto come inviato speciale e critico cinematografico al Resto del Carlino che all’epoca aveva cambiato il suo nome in Giornale dell’Emilia. Nel 1946 seguì come inviato speciale il Giro d’Italia, nel 1947 partì per la Gran Bretagna dove raccontò il matrimonio della futura regina Elisabetta II. Fu il primo di una lunga serie di viaggi all’estero come “testimone del tempo” che contrassegneranno tutta la sua vita. Gli anni cinquanta e sessanta Modifica La prima direzione: Epoca Modifica I partigiani di “Giustizia e Libertà” entrano nella Bologna liberata: tra loro c’era anche il giovane Enzo Biagi. Nel 1951 si recò, per conto del Carlino, in Polesine dove, con una cronaca rimasta negli annali, descrisse l’alluvione che flagellava la provincia di Rovigo; nonostante il grande successo che riscossero quegli articoli, Biagi venne isolato all’interno del giornale per via di alcune sue dichiarazioni contrarie alla bomba atomica, che lo fecero passare per un comunista e che lo fecero considerare, quindi, un “pericoloso sovversivo” per il suo direttore. Gli articoli sul Polesine furono letti però anche da Bruno Fallaci, direttore del settimanale Epoca, alla ricerca di nuovi elementi per le sue redazioni. Fallaci lo chiamò a lavorare come caporedattore al periodico[5]. Biagi e la sua famiglia (erano già nate due figlie, Bice e Carla; nel 1956 arriverà Anna) lasciarono quindi l’amata Bologna per Milano. Nel 1952 Epoca attraversava un momento difficile. Alla ricerca di scoop esclusivi da poter pubblicare in Italia, il nuovo direttore Renzo Segala, subentrato da un mese a Bruno Fallaci, decise di partire per l’America affidando a Biagi la guida del giornale per due settimane, stabilendo già in partenza i temi da affrontare durante la sua assenza e cioè il ritorno di Trieste all’Italia e l’inizio della primavera. Nel frattempo scoppiò però il “caso Wilma Montesi”: una giovane ragazza romana venne ritrovata morta sulla spiaggia di Ostia; ne nacque uno scandalo in cui rimase coinvolta l’alta borghesia laziale, il prefetto di Roma e Piero Piccioni, figlio del ministro Attilio Piccioni, il quale rassegnò le dimissioni. Biagi, intuendo la grande risonanza che il caso Montesi stava avendo nel Paese, decise, contro ogni disposizione, di dedicare a esso la copertina e di pubblicare un’inedita ricostruzione dei fatti. Fu un successo clamoroso: la tiratura di Epoca crebbe di oltre ventimila copie in una sola settimana e Mondadori tolse la direzione a Segàla, da poco tornato dagli Stati Uniti, affidandola proprio a Biagi. Sotto la direzione di Biagi, Epoca s’impose nel panorama delle grandi riviste italiane surclassando la storica concorrenza de l’Espresso e del’Europeo. La formula di Epoca, a quel tempo innovativa, punta a raccontare con riepiloghi e approfondimenti le notizie della settimana e le storie dell’Italia del boom. Un altro scoop esclusivo sarà la pubblicazione di fotografie che raffigurano un umanissimo papa Pio XII che gioca con un canarino. Nel 1960 un articolo sugli scontri di Genova e Reggio Emilia contro il governo Tambroni (che avevano provocato la morte di dieci operai in sciopero, tanto da essere definita strage di Reggio Emilia) provocò una dura reazione dello stesso governo, per cui Biagi fu costretto a lasciare Epoca. Qualche mese dopo fu assunto dalla Stampa come inviato speciale. L’arrivo alla Rai: il Telegiornale Modifica La storica sede del Corriere della Sera a Milano, dove Biagi lavorò e scrisse per molti anni. Il 1º ottobre 1961 divenne direttore del Telegiornale. Biagi si mise subito all’opera, applicando la formula di Epoca al TG, dando meno spazio alla politica e maggiormente ai “guai degli italiani”, come chiamava le mancanze del nostro sistema. Realizzò una memorabile intervista a Salvatore Gallo, l’ergastolano ingiustamente rinchiuso a Ventotene, la cui vicenda porterà in seguito il Parlamento ad approvare la revisione dei processi anche dopo la sentenza di cassazione. Dedicò servizi agli esperimenti nucleari dell’Unione Sovietica che avevano seminato il panico in tutta Europa. Fece assumere in Rai grandi giornalisti come Giorgio Bocca e Indro Montanelli,[6] ma anche giovani come Enzo Bettiza ed Emilio Fede, destinati a una lunga carriera. Nel novembre del 1961 arrivarono inevitabili le prime polemiche: il democristiano Guido Gonella, in un’interrogazione parlamentare al ministro dell’Interno Mario Scelba – poi passata alla storia per gli attacchi alle gambe nude delle gemelle Kessler, – accusò Enzo Biagi di essere fazioso e di “non essere allineato all’ufficialità”. Un’intervista in prima serata al leader comunista Palmiro Togliatti gli procurò un duro attacco da parte dei giornali di destra, che iniziano una campagna aggressiva contro di lui. Nel marzo del 1962 lanciò il primo rotocalco televisivo della televisione italiana: RT Rotocalco Televisivo[7]. Apparve per la prima volta in video; il timido Biagi ricorderà sempre come un tormento le sue prime registrazioni. Condusse la trasmissione fino al 1968. A Roma tuttavia Biagi si sentiva con le mani legate. Le pressioni politiche erano insistenti; Biagi aveva già detto di no a Giuseppe Saragat, che gli proponeva alcuni servizi, ma resistere era difficile malgrado la solidarietà pubblica che gli arriva da personaggi celebri del periodo come Giovannino Guareschi, Garinei e Giovannini, Giangiacomo Feltrinelli, Liala e dallo stesso Bernabei. «Ero l’uomo sbagliato al posto sbagliato: non sapevo tenere gli equilibri politici, anzi proprio non mi interessavano e non amavo stare al telefono con onorevoli e sottosegretari […] Volevo fare un telegiornale in cui ci fosse tutto, che fosse più vicino alla gente, che fosse al servizio del pubblico non al servizio dei politici.» (Enzo Biagi) Nel 1963 decise di dimettersi – dopo l’ultima puntata chiusa da I ragazzi di Arese di Gianni Serra – e di tornare a Milano dove divenne inviato e collaboratore dei quotidiani Corriere della Sera e La Stampa. Nel 1967 entrò nel gruppo Rizzoli come direttore editoriale[8]. Firmava i suoi pezzi sul settimanale L’Europeo e trasformò il periodico letterario Novella in un giornale di cronaca rosa. Nel 1968 tornò alla Rai per la realizzazione di programmi di approfondimento giornalistico. Tra i più seguiti e innovativi: Dicono di lei (dal 17 maggio 1969), una serie di interviste a personaggi famosi, tramite frasi, aforismi, aneddoti sulle loro personalità e Terza B, facciamo l’appello (1971), in cui personaggi famosi incontravano dei loro ex compagni di classe, amici dell’adolescenza, i primi timidi amori. Gli anni settanta, ottanta, novanta Modifica «Considero il giornale un servizio pubblico come i trasporti pubblici e l’acquedotto. Non manderò nelle vostre case acqua inquinata.» (Enzo Biagi nel suo editoriale il primo giorno di direzione al Resto del Carlino) Nel 1971 fu nominato direttore de Il Resto del Carlino, con l’obiettivo di trasformarlo in un quotidiano nazionale. Venne data più attenzione alla cronaca e alla politica. Biagi esordì con un editoriale, che intitolò “Rischiatutto” come la celebre trasmissione di Mike Bongiorno, andata in onda su Rai 1, commentando il caos in cui si stavano svolgendo le elezioni del presidente della Repubblica (che videro poi l’elezione di Giovanni Leone) e che tennero impegnato il Parlamento per diverse settimane, concludendosi alla vigilia di Natale dopo 23 giorni. L’editore Attilio Monti era in buoni rapporti con il ministro delle finanze Luigi Preti, che pretendeva che il giornale desse risalto alle sue attività. Biagi ignorò le richieste di Preti; poco dopo però pubblicò la sua partecipazione ad una festa al Grand Hotel di Rimini, che Preti smentì vigorosamente. La replica di Biagi (“ci dispiace che lo sbadato cronista abbia preso un abbaglio; siamo però convinti che i ministri, anche se socialisti, non hanno il dovere di vivere sotto i ponti”) mandò Preti su tutte le furie, tanto da premere per il suo allontanamento.[9] Questo episodio, insieme all’intimazione di Monti a Biagi affinché licenziasse alcuni suoi collaboratori – tra cui il sacerdote Nazareno Fabbretti, “colpevole” di aver firmato un’intervista alla madre di don Lorenzo Milani – fu all’origine dell’uscita di Biagi dalla redazione del quotidiano bolognese. Il 30 giugno 1971 firmò il suo addio ai lettori e tornò quindi al Corriere della Sera. Nel 1974, pur senza lasciare il Corriere, collaborò con l’amico Indro Montanelli alla creazione de Il Giornale.[10] Biagi nel 1992 assieme a Carlo Caracciolo, per lungo tempo editore della Repubblica, quotidiano per cui il giornalista scrisse durante la gran parte degli anni ottanta. Dal 1977 al 1980 Biagi ritornò a collaborare stabilmente alla Rai, conducendo Proibito, programma in prima serata su Rai 2, che trattava temi d’attualità. All’interno del programma guidò due cicli d’inchiesta internazionali denominati Douce France (1978) e Made in England (1980). Con Proibito, Biagi iniziò ad occuparsi di interviste televisive, genere di cui sarebbe divenuto un maestro. Nel programma furono intervistati, creando ogni volta scalpore e polemiche, personaggi-chiave dell’Italia dell’epoca come l’ex brigatista Alberto Franceschini, Michele Sindona, il finanziere poi coinvolto in inchieste di mafia e corruzione, e soprattutto il dittatore libico Mu’ammar Gheddafi nei giorni successivi alla caduta dell’aereo di Ustica. In quest’ultima occasione il dittatore libico sostenne che si trattava di un attentato organizzato dagli Stati Uniti contro la sua persona e che gli americani quel giorno avevano soltanto “sbagliato bersaglio”; l’intervista finì al centro di una controversia internazionale e il governo dell’epoca ne proibì la messa in onda; l’incontro fu poi regolarmente trasmesso un mese dopo.[9] Nel 1981, dopo lo scandalo della P2 di Licio Gelli, lasciò il Corriere della Sera, dichiarando di non essere disposto a lavorare in un giornale controllato dalla massoneria, come sembrava emergere dalle inchieste della magistratura. Come lui stesso ha rivelato, Gelli, il leader della P2, aveva chiesto all’allora direttore del quotidiano, Franco Di Bella di cacciare Biagi o di mandarlo in Argentina. Di Bella, però si rifiutò.[11] Diventò quindi editorialista della Repubblica, dove rimase fino al 1988, quando ritornò in via Solferino. Nel 1982 condusse la prima serie di Film Dossier, un programma che, attraverso film mirati, puntava a coinvolgere lo spettatore; nel 1983, dopo un programma su Rai 3 dedicato a episodi della seconda guerra mondiale (La guerra e dintorni), tornò su Rai 1: iniziò così a condurre Linea Diretta, uno dei suoi programmi più seguiti, che proponeva l’approfondimento del fatto della settimana, tramite il coinvolgimento dei vari protagonisti. Linea Diretta venne trasmesso fino al 1985. Appena un anno dopo, nel 1986, sempre su Rai Uno, fu la volta di Spot, un settimanale giornalistico in quindici puntate, cui Biagi collaborava come intervistatore. In questa veste, si rese protagonista di interviste storiche come quella a Osho Rajneesh, il famoso e controverso mistico indiano, nell’anno in cui il Partito Radicale cercava di fargli ottenere il diritto di ingresso per l’Italia che gli veniva negato; oppure quella a Michail Gorbačëv, negli anni in cui il leader sovietico iniziava la perestrojka; o quella ancora a Silvio Berlusconi, nei giorni delle polemiche sui presunti favori del governo Craxi nei confronti delle sue televisioni. Berlusconi stava tentando invano di convincere Biagi ad entrare a Mediaset, ma lui rimase in RAI, sia perché legato affettivamente sia perché temeva che, nelle televisioni del Cavaliere, avrebbe avuto minore libertà.[9] Nel 1989 riaprì i battenti, per un anno, Linea Diretta. Questa nuova edizione verrà tra l’altro sbeffeggiata dal Trio composto da Anna Marchesini, Tullio Solenghi e Massimo Lopez, che all’epoca stava conoscendo un grande successo. In precedenza Biagi era stato imitato anche da Alighiero Noschese negli anni settanta; successivamente sarà nel mirino del Bagaglino. Nei primi anni novanta realizzò soprattutto trasmissioni tematiche di grande spessore, come Che succede all’Est? (1990), dedicata alla fine del comunismo, I dieci comandamenti all’italiana (1991)[12], Una storia (1992), sulla lotta alla mafia, dove apparve per la prima volta in televisione il pentito Tommaso Buscetta. Seguì attentamente le vicende dell’inchiesta Mani pulite, con programmi come Processo al processo su Tangentopoli (1993) e Le inchieste di Enzo Biagi (1993-1994). Fu il primo giornalista ad incontrare l’allora giudice Antonio Di Pietro, nei giorni in cui era considerato “l’eroe” che aveva messo in ginocchio Tangentopoli. Il Fatto e l’«editto bulgaro» Modifica Lo stesso argomento in dettaglio: Il Fatto ed Editto bulgaro § Il caso Biagi. Nel 1995 iniziò a condurre la trasmissione Il Fatto, un programma di approfondimento dopo il TG1 sui principali fatti del giorno, di cui Biagi era autore e conduttore; tra le interviste andate in onda nella trasmissione, vanno segnalate quella a Marcello Mastroianni, quella a Sophia Loren, quella a Indro Montanelli e soprattutto le due realizzate a Roberto Benigni. Nel luglio del 2000 la Rai dedicò a Biagi uno speciale in occasione del suo ottantesimo compleanno, intitolato Buon compleanno signor Biagi! Ottant’anni scritti bene, condotto da Vincenzo Mollica. Nel 2004 Il Fatto fu proclamato da una giuria di critici televisivi come il miglior programma giornalistico realizzato nei primi cinquant’anni della Rai.[13] Biagi e Silvio Berlusconi nel 1986 La prima intervista a Benigni era stata rilasciata dopo la vittoria di quest’ultimo ai Premi Oscar del 1997, mentre la seconda venne registrata nel 2001, a ridosso delle elezioni politiche, che poi avrebbero visto la vittoria della Casa delle Libertà. In quest’ultima il comico toscano commentò, a modo suo, il conflitto di interessi e il contratto con gli italiani che Berlusconi aveva firmato qualche giorno prima nel salotto di Bruno Vespa. I commenti provocarono il giorno dopo roventi polemiche contro Biagi, che venne accusato di utilizzare la televisione pubblica per impedire la vittoria di Berlusconi. Al centro della bufera c’erano anche le dichiarazioni che il 27 marzo Indro Montanelli aveva rilasciato al Fatto. Il giornalista aveva attaccato pesantemente il centro-destra, paragonandolo ad un virus per l’Italia e sostenendo che sotto Berlusconi il nostro Paese avrebbe vissuto una “dittatura morbida in cui al posto delle legioni quadrate avremmo avuto i quadrati bilanci”, ovvero molta corruzione. In seguito a queste due interviste diversi politici e giornalisti attaccarono Biagi; tra questi Giulio Andreotti e Giuliano Ferrara, che dichiarò: “Se avessi fatto a qualcuno quello che Biagi ha fatto a Berlusconi, mi sarei sputato in faccia”. La critica più dura arrivò però dal deputato di Alleanza Nazionale e futuro ministro delle comunicazioni Maurizio Gasparri, che auspicò in un’emittente lombarda l’allontanamento dalla Rai dello stesso Biagi.[9] Biagi fu quindi denunciato all’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni per “violazione della par condicio”, ma venne poi assolto con formula piena. Il 18 aprile del 2002 l’allora presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, mentre si trovava in visita ufficiale a Sofia, rilasciò una dichiarazione riportata dall’Agenzia Ansa e passata poi alla cronaca con la definizione giornalistica di «editto bulgaro». Berlusconi, commentando la nomina dei nuovi vertici Rai, resi pubblici il giorno prima, si augurò che “la nuova dirigenza non permettesse più un uso criminoso della televisione pubblica” come, a suo giudizio, era stato fatto dal giornalista Michele Santoro, dal comico Daniele Luttazzi e dallo stesso Biagi. Biagi replicò quella sera stessa nella puntata del Fatto, appellandosi alla libertà di stampa[14]: «Il presidente del Consiglio non trova niente di meglio che segnalare tre biechi individui: Santoro, Luttazzi e il sottoscritto. Quale sarebbe il reato? […] Poi il presidente Berlusconi, siccome non intravede nei tre biechi personaggi pentimento e redenzione, lascerebbe intendere che dovrebbero togliere il disturbo. Signor presidente, dia disposizioni di procedere perché la mia età e il senso di rispetto che ho verso me stesso mi vietano di adeguarmi ai suoi desideri […]. Sono ancora convinto che perfino in questa azienda (che come giustamente ricorda è di tutti, e quindi vorrà sentire tutte le opinioni) ci sia ancora spazio per la libertà di stampa; sta scritto – dia un’occhiata – nella Costituzione. Lavoro qui in Rai dal 1961, ed è la prima volta che un Presidente del Consiglio decide il palinsesto […]. Cari telespettatori, questa potrebbe essere l’ultima puntata del Fatto. Dopo 814 trasmissioni, non è il caso di commemorarci. Eventualmente, è meglio essere cacciati per aver detto qualche verità, che restare a prezzo di certi patteggiamenti.» Fu l’inizio, per Enzo Biagi, di una lunga controversia fra lui e la Rai, con numerosi colpi di scena e un’interminabile serie di trattative che videro prima lo spostamento di fascia oraria del Fatto, poi il suo trasferimento su Rai 3 e infine la sua cancellazione dai palinsesti. Biagi, sentendosi preso in giro dai vertici della Rai e credendo che non gli sarebbe mai stata affidata alcuna trasmissione, decise a settembre di non rinnovare il suo contratto con la televisione pubblica, che fu risolto dopo 41 anni di collaborazione il 31 dicembre 2002. Nel corso del 2002 i rapporti con Berlusconi si deteriorarono sempre più a causa della pregiudiziale morale che per Biagi era imprescindibile; infatti, a tal proposito disse: «uno che fa battute come quella di Berlusconi dimostra che, nonostante si alzi i tacchi, non è all’altezza. Un presidente del Consiglio che ha conti aperti con la giustizia avrebbe dovuto avere la decenza di sbrigare prima le sue pratiche legali e poi proporsi come guida del Paese. (Il Fatto, 8 aprile 2002)» Nel novembre dello stesso 2002 divenne uno dei fondatori e garanti dell’associazione culturale Libertà e Giustizia, spesso critica verso l’operato dei governi guidati da Berlusconi. Gli ultimi anni: il ritorno in televisione Modifica In questo stesso periodo, Biagi fu colpito da due gravi lutti: la morte della moglie Lucia il 24 febbraio 2002 e della figlia Anna il 28 maggio 2003, cui era legatissimo, scomparsa improvvisamente per un arresto cardiaco.[15] Questa morte lo segnò per il resto della sua vita. Continuò a criticare aspramente il governo Berlusconi, dalle colonne del Corriere della Sera. L’atto più clamoroso fu quando (in seguito al famoso episodio di Berlusconi che con il dito medio alzato durante un comizio a Bolzano espresse che cosa pensava dei suoi critici) chiese “scusa, a nome del popolo italiano, perché il nostro presidente del Consiglio non ha ancora capito che è un leader di una democrazia”. Berlusconi replicò dichiarandosi stupito che “il Corriere della Sera pubblicasse i racconti di un vecchio rancoroso come Biagi”.[16] Il comitato di redazione del Corriere protestò con una lettera aperta indirizzata a Berlusconi, dicendosi orgoglioso che un giornalista come Biagi lavorasse nel suo quotidiano e sostenendo che “in Via Solferino lavorano dei giornalisti non dei servi”. Tornò in televisione, dopo due anni di silenzio, alla trasmissione Che tempo che fa, intervistato per una ventina di minuti da Fabio Fazio. Il suo ritorno in televisione registrò ascolti record per Rai 3 e per la stessa trasmissione di Fazio.[17] Biagi tornò poi altre due volte alla trasmissione di Fazio, testimoniando ogni volta il suo affetto per la Rai («la mia casa per quarant’anni») e la sua particolare vicinanza a Rai 3. Biagi intervenne anche al Tg3 e in altri programmi della Rai. Invitato anche da Adriano Celentano nel suo Rockpolitik, in onda su Rai 1, in una puntata dedicata alla libertà di stampa assieme a Santoro e Luttazzi, Biagi (con Luttazzi) declinò l’invito per il fatto che nella rete ammiraglia della Rai c’era la presenza delle persone che avevano chiuso il suo programma; tra queste persone sarebbe stato compreso anche l’allora direttore Fabrizio Del Noce. Enzo Biagi nel 2006 Negli ultimi anni scrisse anche con il settimanale L’Espresso e le riviste Oggi e TV Sorrisi e Canzoni. Nell’agosto del 2006, intervenendo su il Tirreno, avanzò delle perplessità circa la sentenza di primo grado emessa dagli organi di giustizia sportiva in relazione allo scandalo che colpì il calcio italiano a partire dal maggio dello stesso anno e noto giornalisticamente come Calciopoli. Nella sua ultima intervista a Che tempo che fa, nell’autunno del 2006 Biagi affermò che il suo ritorno in Rai era molto vicino e, al termine della trasmissione, il direttore generale della Rai, Claudio Cappon, telefonando in diretta, annunciava che l’indomani stesso Biagi avrebbe firmato il contratto che lo riportava in TV. Il 22 aprile 2007 tornò in televisione con RT Rotocalco Televisivo, aprendo la trasmissione con queste parole: «Buonasera, scusate se sono un po’ commosso e magari si vede. C’è stato qualche inconveniente tecnico e l’intervallo è durato cinque anni. C’eravamo persi di vista, c’era attorno a me la nebbia della politica e qualcuno ci soffiava dentro… Vi confesso che sono molto felice di ritrovarvi. Dall’ultima volta che ci siamo visti, sono accadute molte cose. Per fortuna, qualcuna è anche finita.» (Editoriale dal sito ufficiale della trasmissione) Essendo alla vigilia della festa del 25 aprile, l’argomento della puntata fu la resistenza, sia in senso moderno, come di chi resiste alla camorra, fino alla Resistenza storica, con interviste a chi l’ha vissuta in prima persona. La trasmissione andò in onda per sette puntate, oltre allo speciale iniziale, fino all’11 giugno 2007. Sarebbe dovuta riprendere nell’autunno successivo. Ciò non avvenne a causa dell’improvviso aggravarsi delle condizioni di salute di Biagi. La morte Modifica Ricoverato per oltre dieci giorni in una clinica milanese, a causa di un edema polmonare acuto e di sopraggiunti problemi renali e cardiaci, Enzo Biagi morì all’età di 87 anni la mattina del 6 novembre 2007. Pochi giorni prima di morire, disse a un’infermiera «Si sta come d’autunno sugli alberi le foglie…», ricordando Soldati di Ungaretti, e aggiungendo «ma tira un forte vento».[18] I funerali del giornalista si svolsero nella chiesa del piccolo borgo natale di Pianaccio, vicino a Lizzano in Belvedere, e la sepoltura avvenne nel piccolo cimitero poco distante. La messa esequiale venne officiata dal cardinale Ersilio Tonini, suo vecchio amico, alla presenza del presidente del Consiglio Romano Prodi, dei vertici Rai e di molti colleghi, come Ferruccio de Bortoli e Paolo Mieli. Nei giorni precedenti era stata aperta a Milano la camera ardente che vide una partecipazione popolare immensa, definita “stupefacente” dalle sue stesse figlie. Alle redazioni dei giornali e ai familiari arrivarono lettere di cordoglio e di condoglianze da ogni parte d’Italia, anche la maggioranza dei principali siti Internet e molti blog lo ricordarono con parole affettuose, segno della grande commozione che la sua scomparsa aveva provocato. Successivamente furono molte le iniziative per ricordarlo. Michele Santoro gli dedicò una puntata nella sua trasmissione Annozero titolata “Biagi, partigiano sempre”; Blob e Speciale TG1 riproposero i filmati dei suoi programmi più significativi; il Corriere della Sera organizzò una serata commemorativa presso la Sala Montanelli, la Rai invece lo onorò con una serata presso il teatro Quirino a Roma trasmessa in diretta su Rai News 24 e poi in replica su Rai Tre in seconda serata.[19] Omaggi Modifica A partire dall’11 marzo 2008 Rai 3 ha iniziato a trasmettere un ciclo chiamato RT Rotocalco Televisivo Era Ieri dedicato alla televisione di Enzo Biagi e alle sue interviste ai protagonisti del XX secolo. Nello stesso mese, è stato istituito il “Premio Nazionale Enzo Biagi”, consegnato ai giornalisti e agli scrittori “che mostrano esempio di libertà”. Il primo vincitore è stato lo scrittore Roberto Saviano. Il comitato promotore del premio è presieduto da due delle sue tre figlie, Carla e Bice, quest’ultima anche lei giornalista. Il comune di Crotone ha istituito il “Premio Nati per Scrivere-Enzo Biagi” per premiare il giovane cronista dell’anno. La provincia di Bologna ha creato il “Premio Enzo Biagi per i Cronisti Locali”. Enzo Biagi appare nel videoclip di Buonanotte all’Italia, brano di Luciano Ligabue. Durante il tour del cantante emiliano, il video è stato mostrato sui maxischermi: la folla ha applaudito al momento in cui appare Biagi, tributo riservato ad altri grandi presenti nel filmato come Paolo Borsellino, Giovanni Falcone, Marco Pantani, Alberto Sordi.[20][21] Nel mese di dicembre 2008, il consiglio comunale di Milano (con i voti del Popolo della Libertà e della Lega Nord) respingeva la proposta di consegnare l’Ambrogino d’oro alla memoria al giornalista. Per protesta, il gruppo musicale Elio e le Storie Tese rifiutava l’Ambrogino che avevano vinto nello stesso anno.[22] Il giornale Il Fatto Quotidiano, che ha esordito nelle edicole il 23 settembre 2009, è stato chiamato così in omaggio alla sua trasmissione più famosa.[23] Critiche Modifica Secondo quanto scritto da Roberto Gervaso nel suo libro Ve li racconto io, una parte della critica sosterrebbe che Enzo Biagi scriveva nei suoi libri “sempre le stesse cose”.[24] Bettino Craxi, intervistato a proposito del giornalista, ha dichiarato che non gli piaceva più perché faceva del “moralismo un tanto al chilo”, in seguito alle critiche che Biagi aveva riservato a Craxi e ai suoi governi, soprattutto in alcuni articoli sul Corriere della Sera. Successivamente, l’accusa di moralismo sarà estesa da Craxi a tutti coloro che non condividevano la politica del PSI negli anni ottanta.[9] Scriverà più tardi lo stesso Biagi: «Questa storia del moralismo fu per Craxi una specie di ossessione. Poi le vicende giudiziarie ci hanno indotto a dedurre che, per lui, il Codice Penale era più che altro una questione di stati d’animo.[9]» Il giornalista Sergio Saviane lo soprannominò ironicamente “Banal Grande”, sulla rubrica che teneva ne L’Espresso. Nel 1988, commentando l’uscita de Il sole malato, il libro di Biagi sull’AIDS, Giorgio Bocca scrisse polemicamente[25]: «Si butta su tutte le disgrazie. Ogni volta che esce un libro di Enzo devo per forza toccarmi le palle.» Biagi gli rispose: «Caro Giorgio, fai prima a toccarti la testa» Nel 2001, con una serie di articoli pubblicati da Panorama, Giuliano Ferrara criticò l’atteggiamento di Biagi verso Silvio Berlusconi. Dopo le interviste a Montanelli e a Benigni, che contenevano critiche a Berlusconi stesso, Ferrara dichiarò che secondo lui Biagi avrebbe fatto bene a “sputarsi in faccia” per quello che stava facendo, etichettandolo poi come ipocrita e arrogante. Inoltre definì una “sceneggiata” le polemiche nate dopo l’editto bulgaro e il suo allontanamento dalla Rai. Biagi rispose ricordando che la stessa cifra è stata stabilita come “equa per la chiusura di un contratto” dall’ordinanza di un giudice a favore di Michele Santoro, anche lui allontanato dopo l’editto bulgaro.[senza fonte] Onorificenze Modifica Cavaliere di gran croce dell’Ordine al merito della Repubblica italiana — 15 dicembre 1995[26] Grande ufficiale dell’Ordine al merito della Repubblica italiana — 27 dicembre 1967[27] Riconoscimenti Modifica 1953 – Premio Riccione per Giulia viene da lontano[28] 1971 – Premio Bancarella per Testimone del tempo[29] 1979 – Premio Saint-Vincent per il giornalismo 1979 – Medaglia d’Oro di Civica Benemerenza del Comune di Milano 1993 – Presidente Onorario della Giuria del Premio “È giornalismo” 2003 – Cittadinanza Onoraria di Fucecchio, paese natale di Indro Montanelli 2004 – Premio alla trasmissione Il Fatto come miglior programma giornalistico dei primi cinquant’anni della Rai[29] 2005 – Premio giornalistico televisivo Ilaria Alpi alla Carriera[30] Lauree honoris causa Modifica Laurea honoris causa in Scienze della comunicazione dall’Università di Bologna — 12 giugno 1997[31][32] Laurea honoris causa in Storia dall’Università degli Studi di Torino «Maestro di moralità e di dignità civile, acuto osservatore della storia del XX secolo» — 15 giugno 2000[32][33] Laurea honoris causa in Comunicazione pubblica, sociale e d’impresa dall’Università di Pisa «Biagi non ha soltanto dato un apporto di grande rilevanza al giornalismo italiano, ma ha contribuito enormemente alla crescita culturale di milioni di cittadini, appartenenti a diversi strati sociali, su temi di attualità, politica, costume, etica pubblica, arrivando a rappresentare una parte rilevante della storia del nostro Paese e un modello di vero, grande maestro vivente della comunicazione in Italia» — 14 febbraio 2004[32][34] Laurea honoris causa in Nuovi Media e Comunicazione Multimediale dall’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia «Per aver avuto il merito di spiegare e far capire a tutti che cosa stava succedendo nel mondo intorno a loro» — 11 maggio 2006[32][35] Titolazioni Modifica Sono stati titolati a Enzo Biagi: L’istituto comprensivo di scuola materna, elementare e media del quartiere Cesano di Roma. (2009)[36] Il Centro Documentale del Parco regionale del Corno alle Scale sull’Appennino bolognese. L’area verde dietro la chiesa di Santa Maria presso San Celso a Milano.[37] Strade nei comuni di Cinisello Balsamo, San Giovanni in Persiceto, Cambiago, Medicina.[38][39] Una strada nel quartiere di Resuttana-San Lorenzo a Palermo. Una piazza e un monumento, raffigurante una penna in acciaio stilizzata e alta 5 metri, ai confini fra i comuni di Fucecchio e Santa Croce sull’Arno. La nuova Scuola Elementare della frazione Villa Fontana nel comune di Medicina. La Biblioteca comunale di Agrate Brianza, alla quale la famiglia Biagi ha donato parte dei suoi libri. Settembre 2009 viene intitolata a Enzo Biagi la biblioteca comunale di Candiolo alla presenza delle figlie. Il “Palazzo dello Sport e della Cultura” di Lizzano in Belvedere La sala conferenze della Sala Borsa di Piazza Maggiore a Bologna Opere Modifica I libri pubblicati da Enzo Biagi hanno venduto più di 12 milioni di copie[1] e sono stati tradotti in diversi Paesi fra cui Germania, Stati Uniti, Francia, Gran Bretagna, Spagna e Giappone.[1] Nella recensione a un suo libro, Indro Montanelli individuò alcuni punti salienti della sua pubblicistica[40]: «la narrativa di Biagi la conosciamo benissimo, e la riconosciamo sin dalla prima frase, regolarmente rapida, sàpida, spesso tagliente, sempre incisiva… Biagi è tutto l’opposto di un dissipatore. Anzi, forse perché è nato poverissimo, è abituato a tesaurizzare tutto. Eppure, nel gioco della memoria, sul cui filo sempre cammina, butta via a piene mani. Ci sono in questo libro, come in tanti altri libri che lo hanno preceduto, dei ritratti, ognuno dei quali, anche a farlo con parsimonia, poteva riempirgli venti, trenta, cinquanta pagine. Biagi te le rende in cinque righe. E, a ripensarci, ci si accorge che bastano. Ma che scialo, anche per un uomo ricco d’incontri e di esperienze come lui. Azzardo un’ipotesi che certamente lui smentirà. Ma secondo me ciò che incalza Biagi e gl’impedisce di attardarsi su un personaggio o una situazione è la paura del patetico. Si tratti anche del figuro più efferato o della vicenda più odiosa, la sua capacità d’immedesimazione è tale da suscitare sempre in lui una commossa partecipazione, cui teme di cedere e di concedere. Mescolata all’inchiostro c’è sempre, nella penna di Biagi, una lacrima accuratamente nascosta. E in questo pudore sta il suo fascino» Saggistica Modifica È di scena Pietro Gubellini, Bologna, Testa, 1939. Belle favole di tutti i tempi, a cura di e con Dario Zanelli, Bologna, Cappelli, 1947. Dieci anni della nostra vita. Un documentario di “Epoca”, realizzato con Sergio Zavoli, Milano, A. Mondadori, 1960. 50 anni d’amore. Mezzo secolo di sospiri, ricordi e illusioni, raccontato con Sergio Zavoli, Milano, Rizzoli, 1961. Crepuscolo degli dei, Milano, Rizzoli, 1962. Cardinali e comunisti. All’Est qualcosa di nuovo. Ungheria, Polonia, Cecoslovacchia: Enzo Biagi racconta la storia di un mondo che muore, e i drammi, le speranze di un mondo che vuol vivere, Milano, Rizzoli, 1963. 1945-1965. Altri vent’anni della nostra vita, realizzato con Sergio Zavoli, Milano, A. Mondadori, 1965. L’uomo non deve morire, Milano, Garzanti, 1965-1969. Mamma Svetlana, nonno Stalin, Milano, Rizzoli, 1967. Padre Pio. La fede e i miracoli di un uomo del Signore, redatto con Silvio Bertoldi, Guido Gerosa, Sandro Mayer e Marco Pancera, Milano, Rizzoli, 1968. Storie di questi giorni, Milano, Rizzoli, 1969. La luna è nostra. Storie e drammi di uomini coraggiosi, redatto con Antonio De Falco, Guido Gerosa, Gino Gullace, Gian Franco Venè e Lorenzo Vincenti, Milano, Rizzoli, 1969. Testimone del tempo, Torino, SEI, 1970. Dai nostri inviati in questo secolo. I grandi fatti e i grandi personaggi nel racconto di grandi giornalisti, a cura di, Torino, SEI, 1971. Di progresso si muore, con altri, Bologna, Edizioni Skema, 1971. La vita e i giorni. Corso di storia per la scuola media, con Letizia Alterocca, Anna Doria e Vittorio Morone, 3 voll., Torino, SEI, 1972. Gente che va, Torino, SEI, 1972. Dicono di lei, Torino, SEI, 1974; introduzione di Alberto Ronchey, Milano, BUR, 1978. L’enciclopedia divertente, Milano, Rizzoli, 1974. Il Mississippi, con Giuliano Ferrieri, Guido Gerosa, Gino Gullace, Giuseppe Josca, Eugenio Turri, Novara, Istituto geografico De Agostini, 1975. Il Signor Fiat. Una biografia, Milano, Rizzoli, 1976; 2003, ISBN 88-17-87252-0. Il sindaco di Bologna. Enzo Biagi intervista Renato Zangheri, Vaciglio, Ricardo Franco Levi, 1976. Strettamente personale. Fatti e misfatti, figure e figurine della nostra vita, Milano, Rizzoli, 1977; 1979. Laggiù gli uomini, con Franco Fontana, Vaciglio, Ricardo Franco Levi, 1977. E tu lo sai? Le domande dei ragazzi alle quali i genitori non sanno rispondere. Biagi le ha proposte a grandi personalità mondiali – da Margaret Mead a Federico Fellini, da Enzo Ferrari a Isaac Asimov, da Arthur Schlesinger a Robert White – per aiutarvi a parlare con i vostri figli, Milano, Rizzoli, 1978. Ferrari. La confessione-ritratto di un uomo che ha vinto tutto tranne la vita, Milano, Rizzoli, 1980. Come andremo a incominciare?, con Eugenio Scalfari, Milano, Rizzoli, 1981. Il Buon Paese. Vale ancora la pena di vivere in Italia?, Milano, Longanesi, 1981. Diciamoci tutto, Milano, A. Mondadori, 1983 Mille camere, Milano, A. Mondadori, 1984. Senza dire arrivederci, Milano, A. Mondadori, 1985. Il boss è solo. Buscetta: la vera storia di un vero padrino, Milano, A. Mondadori, 1986. ISBN 88-04-33153-4. Il sole malato. Viaggio nella paura dell’AIDS, Milano, A. Mondadori, 1987, ISBN 88-04-30465-0. Dinastie. Gli Agnelli, i Rizzoli, i Ferruzzi-Gardini, i Lauro, Milano, A. Mondadori, 1988, ISBN 88-04-31718-3. Amori, Milano, Rizzoli, 1988. ISBN 88-17-85139-6. Buoni. Cattivi, Milano, Rizzoli, 1989, ISBN 88-17-85149-3. Lubjanka, Milano, Rizzoli, 1990. ISBN 88-17-85152-3. L’Italia dei peccatori, Milano, Rizzoli, 1991, ISBN 88-17-84134-X. Incontri e addii, Milano, Rizzoli, 1992, ISBN 88-17-85055-1. [Comprende Mille camere e Senza dire arrivederci] Un anno una vita, Roma-Milano, Nuova ERI-Rizzoli, 1992, ISBN 88-17-84205-2. La disfatta. Da Nenni e compagni a Craxi e compagnia, Milano, Rizzoli, 1993, ISBN 88-17-84272-9. “I” come Italiani, Roma-Milano, Nuova ERI-Rizzoli, 1993, ISBN 88-17-84295-8. L’albero dai fiori bianchi, Roma-Milano, Nuova ERI-Rizzoli, 1994. ISBN 88-17-84353-9. Il Fatto, Roma-Milano, Nuova ERI-Rizzoli, 1995, ISBN 88-17-84419-5. Lunga è la notte, Roma-Milano, Nuova ERI-Rizzoli, 1995, ISBN 88-17-84430-6. Quante donne, Roma-Milano, ERI-Rizzoli, 1996, ISBN 88-17-84466-7. La bella vita. Marcello Mastroianni racconta, Roma-Milano, ERI-Rizzoli, 1996, ISBN 88-17-84481-0. Sogni perduti, Milano, Rizzoli, 1997, ISBN 88-17-84523-X. Scusate, dimenticavo, Roma-Milano, RAI-ERI-Rizzoli, 1997, ISBN 88-17-84543-4. Ma che tempi, Roma-Milano, RAI-ERI-Rizzoli, 1998, ISBN 88-17-85260-0. Cara Italia. [“Giusto o sbagliato questo è il mio Paese”], Roma-Milano, RAI-ERI-Rizzoli, 1998, ISBN 88-17-86013-1. Racconto di un Secolo. [Gli uomini e le donne protagonisti del Novecento], Roma-Milano, RAI-ERI-Rizzoli, 1999, ISBN 88-17-86090-5. Odore di cipria, Milano, RAI-ERI-Rizzoli, 1999, ISBN 88-17-86265-7. Come si dice amore, Milano, RAI-ERI-Rizzoli, 2000, ISBN 88-17-86461-7. Giro del mondo, Milano, RAI-ERI-Rizzoli, 2000, ISBN 88-17-86513-3. Dizionario del Novecento. [Gli uomini, le donne, i fatti, le parole che hanno segnato la nostra vita e quella del mondo], Milano, RAI-ERI-Rizzoli, 2001, ISBN 88-17-86780-2. Un giorno ancora, Milano, RAI-ERI-Rizzoli, 2001, ISBN 88-17-86883-3. Addio a questi mondi. Fascismo, nazismo, comunismo: uomini e storie, che cosa è rimasto, Milano, Rizzoli, 2002, ISBN 88-17-87038-2. Cose loro & Fatti nostri, Milano, RAI-ERI-Rizzoli, 2002, ISBN 88-17-87101-X. La mia America, Milano, Rizzoli, 2003, ISBN 88-17-87262-8. Lettera d’amore a una ragazza di una volta, Milano, Rizzoli, 2003, ISBN 88-17-99506-1. L’Italia domanda (con qualche risposta), Milano, Rizzoli, 2004, ISBN 88-17-00433-2. Era ieri, a cura di Loris Mazzetti, Milano, Rizzoli, 2005, ISBN 88-17-00911-3. Quello che non si doveva dire, con Loris Mazzetti, Milano, Rizzoli, 2006, ISBN 88-17-01310-2. Io c’ero. Un grande giornalista racconta l’Italia del dopoguerra. A cura di Loris Mazzetti, Milano, Rizzoli, 2008, ISBN 978-88-17-02589-8. I Quattordici mesi. La mia Resistenza, a cura di Loris Mazzetti, Milano, Rizzoli, 2009, ISBN 978-88-17-03545-3. Consigli per un paese normale, a cura di Salvatore Giannella, Milano, Rizzoli, 2010, ISBN 978-88-17-04157-7. Lezioni di televisione, Prefazione di Bice Biagi. A cura di Giandomenico Crapis, Roma, Rai Eri, 2016, ISBN 978-88-397-1685-9. Non perdiamoci di vista. Un racconto attraverso le interviste che hanno segnato un’epoca, a cura di Loris Mazzetti, Reggio Emilia, Aliberti, 2017, ISBN 978-88-93-23155-8. La vita è stare alla finestra. La mia storia, Collana Saggi, Milano, Rizzoli, 2017, ISBN 978-88-17-09707-9. Storiografie Modifica Dieci anni della nostra vita. Un documentario di “Epoca”, realizzato con Sergio Zavoli, Milano, A. Mondadori, 1960. La seconda guerra mondiale, ed. italiana diretta da, 4 voll., Firenze, Sadea-Della Volpe, 1963-1965. Storia del Fascismo, diretta da, 3 voll., Firenze, Sadea-Della Volpe, 1964. 1945-1965. Altri vent’anni della nostra vita, realizzato con Sergio Zavoli, Milano, A. Mondadori, 1965. 1935 e dintorni, Milano, A. Mondadori, 1982. 1943 e dintorni, Milano, A. Mondadori, 1983. Noi c’eravamo, 1939-1945, Milano, Rizzoli, 1990, ISBN 88-17-85151-5. La Seconda Guerra Mondiale. Parlano i protagonisti, Collana Illustrati, Milano, BUR, 1992, ISBN 978-88-171-1175-1. [Uscì anche in dispense su Il Corriere della Sera: prima nel 1989 e poi nel 1995] 1943. Un anno terribile che segnò la storia d’Italia, Collana Illustrati, Milano, BUR, 1994. Anni di guerra. 1939-1945, Collana Illustrati, Milano, BUR, 1995. Anni di guerra. 1939-1945, Collana Saggi, Milano, BUR, 2005, ISBN 978-88-170-0895-8. [il cofanetto di 3 volumi contiene: Anni di guerra. 1939-1945; La Seconda Guerra Mondiale. Parlano i protagonisti; 1943. Un anno terribile che segnò la storia d’Italia] L’Italia del ‘900, a cura di Loris Mazzetti, 11 voll., Milano, RCS Quotidiani, 2007. Reportage Modifica La geografia di Biagi, Milano, Rizzoli, 1973-1980. [con immagini di importanti illustratori della Rizzoli] America, disegni di John Alcorn, Milano, Rizzoli, 1973. Russia, disegni di Ferenc Pinter, Milano, Rizzoli, 1974. Italia, disegni di Luciano Francesconi, Milano, Rizzoli, 1975. Germanie, disegni di Paolo Guidotti, Milano, Rizzoli, 1976. Scandinavia, disegni di Ferenc Pinter, Milano, Rizzoli, 1977. Francia, disegni di Giovanni Mulazzani, Milano, Rizzoli, 1978. Cina, disegni di Leonardo Mattioli, Milano, Rizzoli, 1979. Inghilterra, disegni di Adelchi Galloni, Milano, Rizzoli, 1980. I padroni del mondo (America, Cina, Russia), Milano, Rizzoli, 1994. ISBN 88-17-84338-5. Romanzi Modifica Disonora il padre. Il romanzo della generazione che ha perduto tutte le guerre, Milano, Rizzoli, I ed. maggio 1975. Una signora così così. Romanzo, Milano, Rizzoli, I ed. 1979. Fumetti (solo testi e soggetti) Modifica Storia d’Italia a fumetti, Milano, Mondadori, 1978-2004. Dai barbari ai capitani di ventura, Milano, Mondadori, 1978. Da Colombo alla Rivoluzione francese, Milano, Mondadori, 1979. Da Napoleone alla Repubblica italiana, Milano, Mondadori, 1980. 1946-1986: 40 anni di repubblica, Milano, Mondadori, 1986. 1946-1996. Cinquant’anni di repubblica, Milano, Mondadori, 1996. ISBN 88-04-42203-3. La storia d’Italia a fumetti, Milano, Mondadori, 2000. ISBN 88-04-48363-6. La nuova storia d’Italia a fumetti. Dall’impero romano ai nostri giorni, Milano, Mondadori, 2004. ISBN 88-04-53507-5. Storia di Roma a fumetti. Dalle origini alle invasioni barbariche, Milano, Mondadori, 1981. Storia dell’oriente e dei greci a fumetti. Dall’Egitto dei faraoni ad Alessandro Magno, Milano, Mondadori, 1982. Storia delle scoperte e delle invenzioni a fumetti, Milano, Mondadori, 1983. Storia dei popoli a fumetti, Milano, Mondadori, 1983-1985. Americani, Milano, Mondadori, 1983. Russi, Milano, Mondadori, 1984. Italiani, Milano, Mondadori, 1985. Alla scoperta del passato. Storia a fumetti delle civiltà, Milano, Mondadori, 1987. ISBN 88-04-30594-0. La storia dei popoli a fumetti, Milano, Mondadori, 1997; 2001. ISBN 88-04-49676-2. Africa, Asia, Milano, Mondadori, 1997. ISBN 88-04-43325-6. Europa, Americhe, Oceania, Milano, Mondadori, 1997. ISBN 88-04-43326-4. Trama di Topolino e la memoria futura, in “Topolino”, n. 2125, 20 agosto 1996. La nuova storia del mondo a fumetti. Dalla preistoria ai giorni nostri, Milano, Mondadori, 2005. ISBN 88-04-54905-X. 3000 anni di storia dell’uomo La nuova storia d’Italia a fumetti, Milano, Mondadori, 2007. ISBN 978-88-04-57805-5. La nuova storia del mondo a fumetti, Milano, Mondadori, 2007. ISBN 978-88-04-57806-2. Teatro Modifica Noi moriamo sotto la pioggia, 3 atti, Teatro scenario, n.19, 1 ottobre 1952, pp. 17–28 Giulia viene da lontano, 3 atti, Il dramma, n. 190, 1 ottobre 1953, pp. 5–17 con Giancarlo Fusco, …e vissero felici e contenti, 3 atti, Cappelli, Bologna, 1956 con Sergio Zavoli, 50 anni della nostra vita, 2 tempi, 1974 Prefazioni e introduzioni Modifica Franco Cristofori, Il pugnale di alluminio, Bologna, Alfa, 1971. (introduzione) Mario Lenzi, In Vietnam ho visto, Roma, Paese sera, 1972. (prefazione) Le grandi spie, Novara, Istituto geografico De Agostini, 1973. (introduzione) Alfredo Venturi, Garibaldi in parlamento. Le esperienze di un eroe istintivo alle prese con il meccanismo delle istituzioni, Milano, Longanesi, 1973. (prefazione) Christian Delstanches, Hubert Vierset, Quel giorno a Stalingrado, Firenze, Salani, 1975. (premessa) Umberto Domina, La moglie che ha sbagliato cugino, Milano, Rizzoli, 1975. (introduzione) Domenico Porzio, Primi piani, Milano, A. Mondadori, 1976. (prefazione) Gino Rancati, Ferrari, lui, Milano, Sonzogno, 1977. (prefazione) Stefano Lorenzetto, Fatti in casa, Milano, Sperling & Kupfer, 1992. ISBN 88-200-1722-9. (prefazione) Marcella Andreoli, Romani Cantore, Antonio Carlucci, Maurizio Tortorella (a cura di), Tangentopoli. Le carte che scottano, Milano, A. Mondadori, 1993. (introduzione) Stefano Lorenzetto, Dimenticati. Dove sono finiti gli italiani famosi, Venezia, Marsilio, 2000. ISBN 88-317-7392-5. (prefazione) Loris Mazzetti, Il libro nero della RAI, Milano, BUR, 2007. ISBN 978-88-17-01919-4. (prefazione) Giornali per cui ha lavorato Modifica Corriere della Sera Epoca Il Giornale Il Resto del Carlino La Repubblica La Stampa L’Espresso Oggi Panorama Collaborazioni Programmi televisivi Modifica Telegiornale (Programma Nazionale, 1961) RT Rotocalco Televisivo (Secondo Programma, 1962-1968; Rai 3, 2007) Dicono di lei (Programma Nazionale, 1969) Terza B, facciamo l’appello (Programma Nazionale, 1971) Proibito (Rete 2, 1977) Douce France (Rete 2, 1978) Made in England (Rete 2, 1980) Film Dossier (Rete 1, 1982) Gli speciali di Retequattro – Enzo Biagi intervista (Rete 4, 1982- 1984) La guerra e dintorni (Rai 3, 1983) Linea diretta (Rai 1, 1983-1985, 1989) Il caso (Rai 1, 1985) Spot (Rai 1, 1986) Che succede all’est? (Rai 1, 1990) I dieci comandamenti all’italiana (Rai 1, 1991) Sorrisi 40 anni vissuti insieme (Canale 5, 1991) Una storia (Rai 1, 1992) Processo al processo su Tangentopoli (Rai 1, 1993) Le inchieste di Enzo Biagi (Rai 1, 1993-1994) Il Fatto (Rai 1, 1995-2002) Buon compleanno signor Biagi! Ottant’anni scritti bene (Rai 1, 2000) Cara Italia (Rai, 1998) Note Modifica ^ a b c Corriere della Sera; 7 novembre 2007 ^ Famiglia Cristiana n.46/18 novembre 2007 ^ Enzo Biagi, una personalità eclettica: da giornalista a conduttore televisivo – LASTAMPA.it Archiviato il 23 maggio 2011 in Internet Archive. ^ Corriere della Sera; 9 novembre 2007. ^ Giuseppe Braga, Quello zio burbero che fece grande l’Oriana, in Libero, 2 novembre 2017. ^ Giangiacomo Schiavi, L’abbraccio della gente comune: «Sei stato maestro di vita» Settant’anni di successi ma ha pagato i suoi «no» ai politici, su CORRIERE DELLA SERA.it, 7 novembre 2007. URL consultato l’11 marzo 2020 (archiviato il 16 luglio 2011). ^ Storia del rotocalco giornalistico, su Tesionline. URL consultato l’11 marzo 2020 (archiviato il 22 gennaio 2019). ^ Novella 2000 compie 40 anni, su corriere.it. URL consultato il 14 giugno 2018 (archiviato dall’url originale il 9 novembre 2008). ^ a b c d e f Enzo Biagi, Era ieri ^ Televideo Rai 8 novembre 2007 ^ Gianluca Di Feo, P2, lo scandalo che fece tremare l’Italia, su CORRIERE DELLA SERA.it, 21 maggio 2001. URL consultato l’11 marzo 2020 (archiviato dall’url originale il 7 dicembre 2008). ^ Fu la trasmissione per cui ricevette i complimenti di papa Giovanni Paolo II, il quale poco dopo volle incontrare in Vaticano lo stesso Biagi e l’intero staff del programma; in quell’occasione Biagi conobbe il cardinale Ersilio Tonini, con cui stringerà poi una forte amicizia. ^ Biagi, una vita per il giornalismo, su CORRIERE DELLA SERA.it, 6 novembre 2007. URL consultato l’11 marzo 2020 (archiviato dall’url originale il 3 ottobre 2015). ^ Video della puntata del Fatto del 19/4/2002, su youtube.com. URL consultato il 6 gennaio 2016 (archiviato il 1º aprile 2016). ^ E’ morta a Milano Anna Biagi, su Corriere della Sera, 29 maggio 2003. URL consultato l’11 marzo 2020 (archiviato dall’url originale il 3 ottobre 2015). ^ Repubblica del 21 maggio 2006, su repubblica.it. URL consultato l’11 febbraio 2008 (archiviato il 24 dicembre 2007). ^ La Repubblica, 26 maggio 2005: “Biagi di sera, bel tempo si spera” ^ Si sta come d’autunno sugli alberi le foglie, su APPRENDISTASTREGONE, 11 novembre 2007. URL consultato l’11 marzo 2020 (archiviato il 18 aprile 2019). ^ Il ricordo di Enzo Biagi al teatro Quirino a Roma. Prodi: parlava al cuore della gente, su RAINEWS24, 3 dicembre 2007. URL consultato l’11 marzo 2020 (archiviato dall’url originale il 5 dicembre 2007). ^ Sandra Cesarale, Ligabue, effetti speciali e una «foto» all’Italia, su Corriere della Sera, 19 novembre 2007. URL consultato l’11 marzo 2020 (archiviato dall’url originale il 24 marzo 2015). ^ Giorgio Lambrinopulos, Luciano Ligabue fa impazzire Roma con buonanotte Italia concerto con piu di 100 mila persone (PDF), su Il Corriere Del Sud, 21 luglio 2008. URL consultato l’11 marzo 2020 (archiviato dall’url originale il 24 marzo 2016). ^ Elio rifiuta l’Ambrogino d’oro: “Grazie, ma spetta a Enzo Biagi”, su La Stampa, 3 dicembre 2008. URL consultato l’11 marzo 2020 (archiviato il 7 novembre 2018). ^ Antonio Padellaro, Linea politica, la Costituzione, in il Fatto Quotidiano, 23 settembre 2009, 1. URL consultato il 17 settembre 2011 (archiviato il 19 aprile 2019). ^ Roberto Gervaso, Ve li racconto io 2005 ed. Mondadori ^ Pietrangelo Buttafuoco, «Fine dei saperi forti tra brasato e tortellini», 23.11.2006, «Panorama» ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato., su quirinale.it. URL consultato il 21 ottobre 2010 (archiviato l’11 settembre 2011). ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato., su quirinale.it. URL consultato il 19 dicembre 2012 (archiviato il 12 agosto 2014). ^ 1959/1950 – Le affermazioni di Tullio Pinelli, Enzo Biagi, Luigi Squarzina, Premio Riccione per il Teatro. URL consultato il 19 dicembre 2012 (archiviato dall’url originale il 17 giugno 2013). ^ a b Biagi, una vita per il giornalismo, in Corriere della Sera, 2 novembre 2007. URL consultato il 19 dicembre 2012 (archiviato dall’url originale il 24 marzo 2015). ^ Enzo Biagi: il ricordo del Premio Ilaria Alpi, Premio giornalistico televisivo Ilaria Alpi, 6 novembre 2007. URL consultato il 19 dicembre 2012 (archiviato il 4 marzo 2016). ^ Laurea ‘Ad Honorem’ per Enzo Biagi, in La Repubblica, 21 maggio 1997. URL consultato il 19 dicembre 2012 (archiviato il 4 marzo 2016). ^ a b c d Quattro lauree honoris causa per Biagi, in Il Giornale, 6 novembre 2007. URL consultato il 19 dicembre 2012 (archiviato il 3 aprile 2016). ^ Le Lauree Honoris Causa, Università degli Studi di Torino. URL consultato il 19 dicembre 2012 (archiviato il 25 febbraio 2019). ^ Laurea honoris causa a Enzo Biagi, in La Repubblica, 5 febbraio 2004. URL consultato il 19 dicembre 2012 (archiviato il 5 marzo 2016). ^ Laurea ad honorem Enzo Biagi, in Dipartimento di Comunicazione ed Economia, Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, 11 maggio 2006. URL consultato il 19 dicembre 2012 (archiviato il 15 agosto 2019). ^ Bacheca Scuola Online “Enzo Biagi”, su icviaorrea.net. URL consultato il 1º gennaio 2013 (archiviato dall’url originale il 17 settembre 2012). ^ Un giardino dedicato a Enzo Biagi – Milano, su CORRIERE DELLA SERA.it, 21 dicembre 2012. URL consultato l’11 marzo 2020 (archiviato dall’url originale il 4 marzo 2012). ^ Comune di Medicina, Città di Medicina, su comune.medicina.bo.it. URL consultato l’11 dicembre 2013 (archiviato il 9 febbraio 2014). ^ Festa della Scuola primaria di Villa Fontana “Enzo Biagi”, su Comune di Medicina. URL consultato l’11 marzo 2020 (archiviato dall’url originale l’11 marzo 2020). ^ Indro Montanelli, «Il nuovo Biagi. Scialo di bravura», «La Voce», 1994 Bibliografia Voci correlate Modifica Il Fatto RT Rotocalco Televisivo Bice Biagi Altri progetti Collegamenti esterni Ultima modifica 4 giorni fa di Valentini17 PAGINE CORRELATE Indro Montanelli giornalista e scrittore italiano (1909-2001) Mario Cervi giornalista e saggista italiano Editto bulgaro Il contenuto è disponibile in base alla licenza CC BY-SA 3.0, se non diversamente specificato. Informativa sulla privacy Condizioni d’usoDesktop

Paolo Rossi il golden Boy

Paolo Rossi (calciatore 1956)

calciatore, dirigente sportivo e opinionista sportivo italiano

Italia
Football pictogram.svg
600px pentasection HEX-E42B2E White.svg
non conosciuta
600px Giallo e Rosso Strisce-Flag.svg
Juventus
Juventus
Como
Lanerossi Vicenza
Perugia
Juventus
Milan
Verona
Italia
Italia
Coppa mondiale.svg

Paolo Rossi

Paolo Rossi Pallone d'oro.jpg

Paolo Rossi solleva il Pallone d’oro 1982Nazionalità ItaliaAltezza174 cmPeso67 kgCalcio RuoloAttaccanteTermine carriera1987CarrieraGiovanili1961-1967 Santa Lucia1967-1968 Ambrosiana1968-1972 Cattolica Virtus1972-1973 JuventusSquadre di club11973-1975 Juventus0 (0)1975-1976→  Como6 (0)1976-1979 Lanerossi Vicenza94 (60)1979-1980→  Perugia28 (13)1981-1985 Juventus83 (24)1985-1986 Milan20 (2)1986-1987 Verona20 (4)Nazionale1976-1978 Italia U-2110 (5)1977-1986 Italia48 (20)Palmarès Mondiali di calcioOroSpagna 19821 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.

Paolo Rossi (Prato23 settembre 1956 – Siena9 dicembre 2020) è stato un calciatore e opinionista italiano, di ruolo attaccante. Con la nazionale italiana si è laureato campione del mondo nel 1982.

Soprannominato Pablito,[1] lo si ricorda principalmente per le sue prodezze e per i suoi gol ai Mondiali del 1982, dove si aggiudicò il titolo di capocannoniere. Nello stesso anno vinse anche il Pallone d’oro (terzo italiano ad aggiudicarselo). Occupa la 42ª posizione nella speciale classifica dei migliori calciatori del XX secolo pubblicata dalla rivista World Soccer.[2] Nel 2004 è stato inserito nel FIFA 100, una lista dei 125 più grandi giocatori viventi, selezionata da Pelé e dalla FIFA in occasione del centenario della federazione.[3] È risultato 12º nell’UEFA Golden Jubilee Poll, un sondaggio online condotto dalla UEFA per celebrare i migliori calciatori d’Europa dei cinquant’anni precedenti.[4]

Insieme a Roberto Baggio e Christian Vieri detiene il record italiano di marcature nei Mondiali a quota 9 gol, ed è stato il primo giocatore (eguagliato dal solo Ronaldo) ad aver vinto nello stesso anno il Mondiale, il titolo di capocannoniere di quest’ultima competizione e il Pallone d’oro.[5]

Biografia

Iniziò a giocare a calcio all’età di nove anni con il Santa Lucia, squadra messa in piedi dal medico della frazione, il dottor Paiar;[6] nella stessa squadra militava anche il fratello maggiore Rossano.[6] Al padre Vittorio, ex ala destra del Prato, è dedicato il campo sportivo del Santa Lucia.[7] Dal primo matrimonio nasce il figlio Alessandro; dopo il divorzio, nel 2010 si sposò con la giornalista Federica Cappelletti, dalla quale ebbe due figlie.[8][9]

Come cantante, ha realizzato nel 1980 un 45 giri, con la canzone Domenica, alle tre, il cui testo tratta il tema del rapporto tra i calciatori e le proprie compagne.

Nel 1999 è stato candidato alle elezioni europee per Alleanza Nazionale, nella circoscrizione Nord-Est.[10][11] Nel 2000 si candidò alla presidenza della Lega Pallavolo Serie A femminile[12], senza tuttavia essere eletto.

In televisione è stato opinionista per varie emittenti italiane quali Sky SportPremium Sport e Rai Sport. Nel 2011 partecipò inoltre a Ballando con le stelle come concorrente.[13]

Vicenza gestiva un’agenzia immobiliare insieme all’ex compagno di squadra Giancarlo Salvi. Possedeva inoltre un complesso agrituristico a Bucine, dove abitava, in località Poggio Cennina.

È morto all’ospedale Le Scotte di Siena la sera del 9 dicembre del 2020, all’età di 64 anni, a causa di un tumore ai polmoni.[14][15][16][17]

Il rapporto con Fabbri e Bearzot

Da sinistra, Rossi in nazionale al campionato del mondo 1978, mentre festeggia con il commissario tecnico Enzo Bearzot e Franco Causio

Rossi al Lanerossi Vicenza ebbe un ottimo rapporto con l’allenatore Giovan Battista Fabbri, sia dentro che fuori dal campo. Fabbri fu l’artefice della trasformazione tattica del giocatore da ala a centravanti puro. Il giocatore ricordò così il rapporto col suo mentore: «Fabbri è stato un padre per me, il classico padre di famiglia che ti consiglia, ti prende sotto la sua protezione, è stato proprio così. Teneva le fila di tutto l’ambiente, ha fatto in modo che si creasse una grande unione tra di noi. Era un grande conoscitore e un grande amante del calcio, predicava il fatto che tutti a cominciare dai difensori dovevano giocare a pallone. Io, in particolare, gli devo molto, è stato lui che mi ha trasformato da ala a centravanti, ha visto subito che potevo avere un ruolo diverso e ha cambiato sicuramente la mia carriera».

Da sinistra, il tecnico Giovan Battista Fabbri e Rossi in una pausa d’allenamento

Importante per la carriera di Rossi fu anche il commissario tecnico dell’ItaliaEnzo Bearzot. Il tecnico lo confermò tra i convocati per il campionato del mondo 1978 e fu l’artefice del grande successo del giocatore sul campo. Bearzot, inoltre, fu anche uno dei pochi che credette nell’innocenza di Pablito a seguito dello scandalo scommesse. Nonostante un’opposizione generale, il C.T. decise di convocarlo al campionato del mondo 1982; una chiamata che lo stesso Rossi reputava possibile, conoscendo la stima che Bearzot aveva nei suoi confronti: «La convocazione me l’aspettavo, Bearzot aveva fiducia in me, in Argentina ero andato bene». Al funerale del tecnico, scomparso il 21 dicembre 2010, Rossi lo ricordò con queste parole: «Io a lui devo tutto, senza di lui non avrei fatto quel che ho fatto. Era una persona di una onestà incredibile e un tecnico di grande spessore. Incarnava la figura dell’italiano popolare, e anche se non è stato uno scienziato o un artista, rimarrà nella storia dei nostri grandi del secolo scorso».[18]

Autobiografie

Nel 2002 pubblicò la sua autobiografia intitolata Ho fatto piangere il Brasile: «L’ho scritto perché i miei tre gol al Brasile, in quel fantastico, indimenticabile tre a due, sono il fiore all’occhiello della mia vita di calciatore. Un ricordo che non si cancellerebbe neanche a distanza di un milione di anni».[19]

Nel 2012 scrisse il libro 1982. Il mio mitico mondiale insieme a sua moglie Federica Cappelletti, giornalista e scrittrice. Rossi spiegò che l’aiuto di sua moglie fu importante per la costruzione del libro: «Mia moglie è stata fondamentale. È lei che ha insistito. Voleva scoprire perché, dopo così tanti anni, la gente mi ferma ancora per strada ricordando l’esperienza spagnola della nostra Nazionale». Rossi riuscì a raccogliere tutti i fatti della sua vita calcistica grazie all’aiuto di un suo amico di Firenze, Renzo Baldacci: «Ha rilegato, in volumi, tutti gli articoli che mi riguardavano. Tutto ciò costituisce la mia memoria storica. Per scrivere il libro abbiamo impiegato sei mesi. Senza l’aiuto di questo prezioso archivio avremmo impiegato anni».[5]

Impegno sociale

Rossi, dopo aver concluso l’attività calcistica, ha contribuito molto all’impegno sociale. Nel 2007, insieme ai ciclisti Matteo Tosatto e Filippo Pozzato, all’avvocato Claudio Pasqualin e a Don Backy, ha preso parte alle registrazioni del disco Voci dal cuore, il cui ricavato è stato devoluto al Progetto Conca d’oro ONLUS di Bassano e all’Associazione bambini cardiopatici del mondo; l’ex attaccante ha cantato la canzone La leva calcistica della classe ’68.[20] Nel 2009 è stato testimonial italiano della FAO per sensibilizzare l’opinione pubblica e raccogliere fondi in favore della lotta globale contro la fame nel mondo.[21]

Nel 2012 è stato testimonial della seconda edizione della manifestazione “Un mese per l’affido”, organizzata allo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica ad accogliere temporaneamente nelle loro case bambini e ragazzi in serie difficoltà.[22] Il 16 maggio 2014 ha preso parte al torneo di calcio benefico “Bambini senza confini”, organizzato da don Paolo De Grandi e giocato allo stadio Città di Arezzo, per raccogliere fondi da destinare ai bambini palestinesi.[23]

Dino, come ci si sente a essere chiamati da tutti per parlare di un dolore?

“Mah… ormai si gira in un terreno minato, devi stare attento, ne esplode una ogni due passi. Sapevo che Paolo non stava bene. Ma vedi, in questi casi, un cosa brutta ti potrebbe offrire il piccolo conforto di ricordarti di cose belle, di grandi momenti. Purtroppo il momento tremendo che stiamo vivendo, soffoca anche quel piccolo conforto lì. Siamo qui a ricordare momenti belli in un momento tragico”.

Dino il filosofo, il “mai banale”, l’uomo che ti dà sempre una visione delle cose da un angolo che non ti aspetti. Ecco la perla alla domanda: chi era Paolo Rossi, Dino?

“Hai presente i bucaneve? Quei fiori che sbocciano nella neve? Ecco, è lui. Solo che in quel caso la neve non era bianca”.

Dino, qui ci vuole un aiutino per decifrare la metafora.

“La neve non era bianca, anzi era nera, perché in quel momento là, in Spagna, andava tutto storto, le critiche, le polemiche, il silenzio stampa, nessuno parlava, parlavo solo io, e a monosillabi… beh, a un certo punto spunta un fiore, all’improvviso e buca la neve sporca. È Paolino, che spara tre gol al Brasile e cambia il mondo. Dal buio una luce”.

Un momento Dino… ma se tu non blocchi quella palla là, sulla linea, a una manciata dalla fine il mondo si ribalta dall’altra parte…

“Sì, ma si ribalta dall’altra parte anche se lui non fa tre gol però…”.

Ah, beh certo. Ma tu prima te l’aspettavi che Paolo Rossi sarebbe diventato quel Paolo Rossi lì?

“Beh sì. Lui era già lui, in Argentina. Aveva avuto un momento di crisi, era giù fisicamente. Ma non dimenticarti che quella squadra del miracolo era più o meno quella del ’78. E che se io giocavo un po’ meglio, sarebbe andata in finale…”.

Sei sempre stato molto autocritico sui 2 gol con l’Olanda.

“Sì, perché quelli sono due gol che un portiere non deve prendere, tutto lì”.

Per gli italiani Pablito è stato il sogno, il lampo a ciel sereno…

“Mica tanto sereno. Eh sì perché in quel momento le cose non andavano mica bene, anche in generale. Io non voglio paragonare noi ai fatti del terrorismo e alle tensioni sociali eccetera sia ben chiaro, ma la sua impresa dei 3 gol al Brasile hanno fatto tornare il sorriso, una specie di sogno… ma reale”.

Una volta dicevi che Paolo ti faceva diventar matto alla Juve, in allenamento…

“Guarda, era incredibile. Nelle partitelle ti faceva gol e non capivi come. La palla pin pum, pam gli picchiava addosso, su un ginocchio, in un garretto e andava dentro. Tutte le volte. Ti dico la differenza con Platini. Platini ti faceva gol perché ti faceva gol. Come dire: adesso te la tiro là e ti faccio gol. Ma Paolo era una roba misteriosa. Il calcio aveva scelto lui per creare uno che ti facesse gol a quel modo”.

La velocità di pensiero.

“Certo. Era più veloce a pensarlo il gol. Un po’ come era stato Pascutti, per dire. Quando giocavo contro il Bologna col Napoli, mi ricordo che Panzanato, sui corner, cominciava chiedere disperato: dov’è Pascutti, dov’è Pascutti? Allora io lo calmavo gli dicevo: “Stai calmo, adesso te lo trovo io…”.

Prima Maradona, poi lui… un anno tremendo…

“Sì, e squilla il telefono. Chiedono a me. Diego era un genio, ma io facevo il portiere ed ero chiamato a parare la sua genialità, Paolino invece la sua genialità la esercitava dall’altra parte e per me era meglio”.

Ti lascio perché sento che ti squilla il telefono Dino. L’hai riacceso?

“Sì, oggi sono come al lavoro. Mi chiamano tutti per parlare di Paolo. Era meglio se il telefono non avesse suonato così tanto oggi. Ti giuro che avrei parlato di Paolo molto più volentieri, se mi avessero chiamato due giorni fa”.

https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=3017754385174453&id=100008197627996

Pablito https://www.facebook.com/tg1raiofficial/videos/410779969966887/

https://fb.watch/2lsY1MwswB/

La dedica https://www.facebook.com/194222486930/posts/10157813106776931/

“Capricorn One “

Capricorn One

film del 1978 diretto da Peter Hyams

Capricorn One

Capricorn One.png

Una scena del filmTitolo originaleCapricorn OneLingua originaleinglesePaese di produzioneStati Uniti d’AmericaAnno1978Durata123 minRapporto2,20 : 1GenerethrillerfantascienzaRegiaPeter HyamsSoggettoPeter HyamsSceneggiaturaPeter HyamsProduttorePaul N. Lazarus IIIFotografiaBill ButlerMontaggioJames MitchellEffetti specialiBruce MattoxMusicheJerry GoldsmithScenografiaAlbert BrennerDavid HaberRick SimpsonCostumiPatricia NorrisTruccoMichael WestmoreEmma DiVittorioInterpreti e personaggi

Doppiatori italiani

Capricorn One è un film del 1978 diretto da Peter Hyams e prodotto dalla compagnia di produzione ITC Entertainment di Lew Grade per conto della Warner Bros.

Il film è per tematica un tipico thriller anni settanta su una congiura governativa; la trama è ispirata alla teoria del complotto sull’Apollo 11, la quale sostiene che la missione relativa al primo sbarco umano sulla Luna sarebbe stata un inganno orchestrato dalla NASA.

TramaModifica

Cape Canaveral è il conto alla rovescia per il lancio della missione Capricorn One per il pianeta Marte, frutto di quindici anni di ricerca e con grande dispendio di mezzi e di capitale. L’equipaggio è costituito dai militari Charles Brubaker, comandante della missione, Peter Willis e l’afroamericano John Walker.

Il disinteresse della politica, evidenziato dalla presenza al lancio del solo vicepresidente, è motivo di frustrazione per il dottor James Kelloway, patron del progetto. Con alcuni collaboratori, è a conoscenza di un difetto a un componente vitale per la missione, che potrebbe essere letale per gli astronauti. Pur di portare avanti il programma, egli ha architettato una messinscena onde evitare opposizione e la cancellazione.

Pochi minuti prima del lancio, i tre astronauti vengono evacuati in gran segreto dalla capsula, facendo partire il razzo privo di equipaggio. Davanti allo sgomento, essi nei mesi a venire dovranno essere confinati in un luogo segreto in pieno deserto e recitare in un simulatore, pena una ritorsione sulle loro famiglie.

Pubblico e il Controllo Missione a Houston ignorano completamente la macchinazione, mentre un tecnico addetto alla telemetria inizia a notare delle anomalie, riferendolo a un suo amico giornalista Robert Caulfield, per presto sparire misteriosamente. Il cronista, davanti alla forte reticenza dell’ente spaziale e poi una sparizione di ogni traccia del suo amico, subisce alcuni attentati ai quali scampa miracolosamente. Contattando Kay, moglie del comandante Brubaker, nota in lei un sospetto per un precedente dialogo con il marito, dove si menziona un set cinematografico western, e che potrebbe sembrare un indizio per considerare l’idea di una messa in scena.

Al momento del presunto rientro sulla Terra, si riscontra un’avaria allo scudo termico della capsula, che nella realtà porterebbe alla morte certa dell’equipaggio. Consapevoli della loro eliminazione, Brubaker e i compagni fuggono disperatamente con un jet ma sono presto costretti a un atterraggio di fortuna in pieno deserto.

Caulfield nel frattempo viene rilasciato su cauzione in seguito a un arresto con una falsa accusa di possesso di stupefacenti e licenziato dal giornale. Si rivolge così a una collega e amica, Judy Drinkwater, che gli presta dei soldi, la sua auto e lo informa dell’esistenza di una base militare abbandonata, a 300 miglia da Houston, nella quale Caulfield trova il set cinematografico utilizzato per simulare la missione e l’atterraggio su Marte. Il ritrovamento di una medaglietta di Brubaker diventa la conferma definitiva dei suoi sospetti.

Willis e Walker vengono catturati dagli uomini di Kelloway. Caulfield noleggia un aereo adibito alla disinfestazione e riesce a trovare Brubaker, salvandolo dalla cattura. Nella sequenza finale Kelloway, insieme alle vedove degli astronauti, sta assistendo a una cerimonia commemorativa presieduta dal Presidente ma inaspettatamente giungono Brubaker e Caulfield, ponendo fine all’inganno.

Contesto storicoModifica

Con il termine del Programma Apollo nel 1972 e l’ultimo volo americano con equipaggio nel Luglio 1975, rea una politica di tagli al bilancio dell’Ente Aerospaziale Americano NASA, era cessato definitivamente ogni entusiasmo che aveva caratterizzato la Corsa allo Spazio del decennio precedente. L’opinione pubblica americana era colpita da un senso di sfiducia per il fallimento della Guerra del Vietnam e per lo Scandalo Watergate. Prendeva intanto piede la fantomatica Teoria del complotto lunare, in seguito alla pubblicazione del discusso saggio di Bill Kaysing, il quale dubbio sul Programma Apollo diventa il sottotitolo del film.

DoppiaggioModifica

Nella versione televisiva viene riportata quella cinematografica con l’aggiunta di alcuni dialoghi in lingua originale sottotitolati, tra il direttore del programma spaziale e gli astronauti. In quella in DVD vi sono i minuti iniziali con il finto lancio del razzo e il commento dello speaker, anche qui in inglese sottotitolato.

Nella versione italiana, uno degli astronauti, davanti all’assurdo della situazione, spera di trovarsi in uno sketch di Specchio segreto, una trasmissione RAI degli anni sessanta, omologo dell’americano Candid Camera.

Opere derivateModifica

Dalla sceneggiatura del film è stato tratto un romanzo omonimo pubblicato sempre nel 1978 da Ken Follett sotto lo pseudonimo di Bernard L. Ross.[1]

Negli Usa dalla sceneggiatura del film fu tratto un romanzo di Ron Goulart con lo stesso titolo nel 1978, pubblicato in Italia da Sonzogno.

Presunto innocente di Scott Turow

Titolo originalePresumed innocent

Scott Turow.jpg

AutoreScott Turow1ª ed. originale19871ª ed. italiana1991GenereRomanzoSottogenereLegal thrillerLingua originaleingleseSeguito daL’onere della prova

Presunto innocente (Presumed Innocent) è il primo romanzo di Scott Turow.

TramaModifica

Il libro inizia con il ritrovamento del corpo di Carolyn Polhemus, vice procuratore distrettuale della Contea di Kindle, vittima di uno stupro. Il collega Rozat “Rusty” Sabich viene incaricato di svolgere le indagini dal procuratore capo e suo mentore Raymond Horgan. Il caso si presenta molto importante, oltre che delicato, perché a breve ci saranno le elezioni e Horgan si è ricandidato alla carica di procuratore distrettuale, pertanto ha bisogno di un’indagine rapida e che riesca a trovare il colpevole. La faccenda è ulteriormente complicata dal fatto che Rusty, all’insaputa del suo superiore, ha avuto una relazione sentimentale con la Polhemus.

Horgan perde le elezioni e poco dopo Rusty viene convocato da Horgan nel proprio ufficio, gli viene detto che è il principale accusato dell’omicidio Polhemus, in quanto sono state ritrovate alcune prove (impronte, DNA, ecc) che indicano la sua presenza nell’appartamento la sera dell’omicidio.

Rusty, per difendersi, decide di assumere il famoso avvocato Alejandro “Sandy” Stern, che lo aveva impressionato con la sua abilità quando era procuratore. Stern e Sabich, grazie alla loro abilità, riusciranno a dimostrare infine l’innocenza dell’imputato.

Il libro si chiude con la rivelazione shock che ad uccidere Carolyn Polhemus è stata la moglie di Sabich, gelosa per aver scoperto la relazione extraconiugale del marito.

Katrine Engberg Il guardiano di coccodrilli

Trama:
Davanti al corpo tagliuzzato di Julie, giovane studentessa trovata morta nel suo appartamento, la polizia di Copenaghen non ha risposte: la sola traccia lasciata dall’assassino sembra essere il misterioso disegno, simile a un origami, che la lama di un coltello ha inciso sul viso della ragazza. A guidare le indagini è l’investigatore Jeppe Kørner, affiancato da Anette Werner: lui – con l’aria del classico sbirro separato – in profonda crisi di autostima, lei energica e dirompente, sempre di buonumore. La loro attenzione si concentra sulla padrona di casa, che vive al terzo piano della stessa graziosa palazzina in cui è stato rinvenuto il cadavere, nel centro storico della capitale danese. Docente di letteratura in pensione con la tendenza a organizzare scintillanti cene mondano-artistiche, Esther de Laurenti si rivela infatti essere un’aspirante scrittrice di gialli. E, curiosamente, l’omicidio di cui si legge nel manoscritto al quale sta lavorando ricalca esattamente le modalità con cui è stata uccisa la sua inquilina. Un collegamento tra finzione e realtà troppo clamoroso perché possa essere ignorato.

Recensione:
Romanzo d’esordio per Katrine Engberg, questa autrice in poche pagine riesce già ad imprimere un preciso passo alla storia. Da qui, coinvolgere ed avvincere il lettore è una logica conseguenza.
Dall’ispettore incaricato del caso, il problematico Jeppe reduce da una depressione e da una separazione con la quale non è ancora riuscito a scendere a patti, ai colleghi, ai civili coinvolti in un giallo inquietante, tutte le figure che popolano il libro possiedono qualcosa di importante, di fondamentale per l’incastro e sono figure perfettamente delineate e costruite. La scrittrice si è presa il tempo di dare ad ogni attore dell’opera motivazione, carattere e peculiarità, permettendo così al lettore di distinguerli, apprezzarli, detestarli, in un crescendo di comprensione ed empatia. Personaggi così caratterizzati, che ruotano e danno corpo ad un thriller che è una caccia al tesoro di indizi e frasi lasciate direttamente dall’assassino, rendono “Il guardiano dei coccodrilli” un romanzo che si ha costantemente voglia di riprendere in mano, in un richiamo alla lettura piacevole e ricercato.
La trama è ben scandita, dando risalto all’indagine investigativa in primis, senza tralasciare il giusto spazio alla vita privata, soprattutto di Jeppe. Questa impostazione consente di prendere respiro dal noir, senza mai abbandonarlo completamente, e dare spessore realistico al protagonista, rendendo manifesto il suo lato umano, fragile e permettendo così di apprezzarne le cadute, le faticose risalite, tutto il percorso che lo porterà, nelle ultime pagine, a seguire una rotta migliore, fuori dal pantano della disperazione.
Il giallo risulta interessante ed intrigante, tra sorprese e colpi di scena. E’ pur vero che scoprire l’identità del colpevole prima della polizia è possibile ed abbastanza semplice. Nonostante ciò, mettere al giusto posto tutti coloro che hanno un qualche grado di colpevolezza, chiarire il buio che si trova in una mente malleabile e perduta, e mettere a nudo la verità in ogni sua parte, risulta un processo che regala ore di piacevole immersione nei capitoli.
Segreti del passato, azioni svolte con leggerezza che hanno segnato fortemente un’innocenza negata, un super io egoista e distruttivo, viene messo nero su bianco dalla Engberg che ci mostra un lato sociale della Danimarca, quello delle adozioni e degli affidi, non scontato e affatto banale o semplice.
Tocchiamo varie sofferenze, sia quelle dei bambini, che delle madri costrette a dare via le proprie creature, fino all’iter farraginoso delle adozioni, il tutto incastonato in un thriller dove anche il colpevole è prima di tutto una vittima.
Interessante e misteriosa è anche la scelta del titolo: capita infatti di domandarsi il perché di una tale scelta. Anche qui, nulla è lasciato al caso, e quando la spiegazione arriva la troviamo giusta e perfettamente indicata alla trama.
“Il guardiano dei coccodrilli” si rivela opera avvincente, ben costruita e portata avanti con un linguaggio fluido, chiaro, libero da qualsiasi volgarità, sicuramente anche grazie alla traduzione di Claudia Valeria Letizia ed Eva Valvo.