” Foibe ” di Gianni Oliva

” Bastava un soffio, un colpo di vento, e addio.

Se si alzava la bora, che veniva da Fiume, ormai diventato stabilmente Rijeka, tanti saluti, uno era disfatto, gettato in aria come uno straccio, o una foglia di granoturco.

Si viveva giorno per giorno. Ogni cosa poteva accadere.”

Carlo Sgorlon, La foiba grandeimg002img003

Annunci